WALL ST. VOLATILE: SI TEME PER IMPATTO PERDITE AIG

30 Novembre 2009, di Redazione Wall Street Italia

I listini azionari si avvicinano al giro di boa in cauto ribasso, nonostante sia cresciuto l’ottimismo sulle condizioni economiche e si siano alleviate le preoccupazioni circa la situazione del debito del fondo sovrano di Dubai.

Se e’ vero che si teme che l’eventuale default di due societa’ di Dubai possa danneggiare la ripresa economica mondiale, da un altro lato l’impatto sulle banche statunitensi dovrebbe essere limitato.

A quanto risulta a Wall Street Italia, in un’operazione in gran segreto il New York Stock Exchange ha varato venerdi’ un provvedimento di urgenza per proteggersi nel caso in cui eventi esterni possano compromettere gli scambi azionari.

Pesano nel frattempo le notizie secondo cui le perdite del gigante assicurativo American International Group possano rendere vani gli sforzi compiuti dalla societa’ per restituire i prestiti ottenuti dal governo. A riferirlo e’ stata Sanford C. Bernstein & Co.

Tra i settori, sotto i riflettori le societa’ retail, con le vendite online che dovrebbero essere state solide il giorno soprannominato “Cyber Monday”. Tuttavia gli ultimi dati a disposizione mostrano che gli americani hanno speso meno dell’anno scorso nel primo weekend della stagione dello shopping natalizio.

Non correre il rischio di perdere il rialzo di Wall Street. Guadagna con INSIDER. Se non sei abbonato, fallo subito: costa meno di un caffe’, solo 0.77 euro al giorno, provalo ora!

“Il traffico online sembra in salute, ma e’ quello che gli americani stanno spendendo nei punti vendita che determinera’ quanto bene e’ andata la stagione delle festivita’”, ha commentato Dan Greenhaus, market analyst di Miller Tabak & Co.

I titoli Amazon.com hanno raggiunto i massimi di sempre, forti di un rialzo del 2.6% a quota $135.14, mentre le Abercrombie & Fitch guadagnano lo 0.7% a $40.24, grazie alla promozione di FBR Capital Markets.

Nel frattempo giungono notizie positive dal fronte macroeconomico, con l’attivita’ manifatturiera della regione del MidWest che e’ cresciuta piu’ del previsto in novembre. L’indice dei direttori di acquisto di Chicago e’ restato saldamente sopra la soglia dei 50 punti, linea di demarcazione tra un’espansione e una contrazione.

A livello settoriale le migliori performance sono segnate dai comparti: Steel-SLX +4.5%, Base Metals-DBB +2.1%, Banks-KBE +1.9%, Financials-XLF +0.9% e Internet-HHH +1.0% (53% AMZN + EBAY).
Tra i piu’ forti ribassi: Natural Gas-UNG -6.3%, Retail-XRT -2.1%, Home Builders-XHB -1.8%, Insurance-KIE -1.6%, U.S. Healthcare Providers-IHF -1.1% e DJ U.S. Telecom-IYZ -1.1%.

Alle 18:45 circa il volume di scambio e’ di 395 milioni di pezzi al NYSE e 497 milioni al Nasdaq. I titoli in rialzo contro quelli in ribasso sono 1208 a 1723 al Nyse e 846 a 1722 al Nasdaq. I nuovi massimi contro i nuovi minimi delle ultime 52 settimane sono: 30 a 13 al NYSE e 34 a 28 al Nasdaq.