WALL ST. TRAINATA DAGLI UTILI, SU ANCHE ORO E GREGGIO

2 Maggio 2006, di Redazione Wall Street Italia

Dopo il dietrofront finale di ieri, sui mercati americani sono tornati a prevalere gli acquisti, originati dal flusso di trimestrali aziendali positive. Il Dow Jones e’ avanzato dello 0.64% a 11416, l’S&P500 dello 0.61% a 1313, il Nasdaq ha segnato un rialzo dello 0.22% a 2309.

Nella sessione di lunedi’, i listini avevano ceduto terreno sulla notizia che i media avevano divulgato un messaggio diverso da quello che il presidente della Fed, Bernanke, intendeva comunicare, lasciando presagire una pausa del ciclo rialzista sui tassi nel meeting di giugno.

Il capo della Fed ha rimarcato il fatto che le strette creditizie potrenno continuare nel tentativo di bilanciare la crescita economica e le pressioni inflazionistiche. A tal fine, molto dipendera’ dalla qualita’ di dati economici che verranno rulasciati quotidianamente.

Gli operatori danno per scontato un rialzo dei fed funds al 5% nel meeting di fine mese, mentre sono cresciute al 71% le possibilita’ di un ulteriore ritocco al costo del denaro nell’incontro del Fomc di giugno.

Tali prospettive non hanno fermato il recupero degli indici, cosi’ come non sembra rappresentare un fattore preoccupante, per il momento, il nuovo rialzo dei prezzi petroliferi. Spinti dalle solite tensioni sul programma nucleare dell’Iran e dall’atteggiamento del presidente Ahmadinejad, i futures con scadenza giugno sono avanzati di 91 centesimi a quota $74.61 al barile, dopo aver toccato un picco intraday di $74.90.

Ad alimentare gli acquisti sono state anche le previsioni degli organi di competenza iraniani, secondo cui il prezzo del petrolio potra’ spingersi a $100 al barile nella prossima stagione invernale a causa dell’eccessiva domanda.

L’assenza di dati congiunturali ha dato maggiore enfasi ai buoni risultati aziendali comunicati in giornata. Le societa’ Verizon (VZ), Archer Daniels Midland (ADM), Caremax (CMX), TXU Corp (TXU) e Emerson Electric (EMX) hanno pubblicato risultati superiori alle attese. Dopo la chiusura sono attesi i numeri di Cephalon (CPH), Dreamworks Animation (DWA), EDS (EDS) e Symbol Tech (SBL).

La societa’ della radio satellitare Sirius Satellite, ha riportato perdite inferiori rispetto al consensus ed ha registrato un considerevole aumento del numero di abbonati. Il titolo e’ avanzato di oltre il 4%.

Buona la prova giornaliera di General Motors (+2.80%), risultato il miglior titolo dell’indicie industriale. Il colosso dell’auto ha riportato un aumentato delle vendite di autocarri del 2%, mentre le vendite di automobili sono scese del 18%. L’azienda di Detroit ha anche offerto un outlook positivo sulla produzione del secondo trimestre.
A riportare i migliori risultati sulle vendite di auto sono state le aziende giapponesi Honda e Toyota Motor. Il titolo di quest’ultima e’ avanzato del 3.4%.

Sotto pressione, invece, il settore immobiliare, trascinato al ribasso dalla deludente performance di Hovnanian Entreprises che ha tagliato le stime per il 2006 a causa di una diminuzione delle vendite e della domanda, segnali di raffreddamento del comparto.

Vedi decine di small e medium cap in forte crescita segnalate da
WSI nella rubrica Titoli Caldi, una delle 8 sezioni in tempo reale
riservate agli abbonati a INSIDER. Se non sei gia’ abbonato, clicca sul
link INSIDER

Sugli altri mercati, nuovo massimo di 25 anni per l’oro. Spinti dalle tensioni geopolitiche e dall’aumento dei prezzi energetici, icontratti con scadenza giugno sono avanzati di $7.20 a $667.40 all’oncia. Sul valutario, euro sempre forte rispetto al dollaro. Nel tardo pomeriggio di martedi’ a New York il camvio e’ a quota 1.2625. In recupero i titoli di Stato. Il rendimento sul Treasury a 10 anni e’ sceso al 5.11% dal 5.13% di lunedi’.