WALL ST. SCIVOLA SUL DEBOLE DATO IMMOBILIARE

23 Aprile 2009, di Redazione Wall Street Italia

Un inatteso calo delle vendite di case esistenti ha inflitto un duro colpo alle speranze che l’economia sia in fase di guarigione, spingendo in ribasso i principali indici della Borsa (controlla la performance in tempo reale).

Non parte con il piede giusto la stagione delle vendite primaverili del settore immobiliare, con le cessioni di case esistenti che hanno subito un calo del 3% nel mese di marzo rispetto a febbraio, alimentando i timori che le difficolta’ del mercato immobiliare continueranno a far sentire il proprio peso sul resto dell’economia.

Il dato deludente sta offuscando i risultati migliori delle attese di una serie di societa’, tra cui Apple e eBay, cosi’ come la societa’ attiva nel settore difesa Raytheon, che ha alzato le stime sugli utili annuali. I conti convincenti di Apple, trascinata dalle vendite migliori del previsto dei suoi gioielli iPhone e iPod, e di eBay avevano contribuito in mattinata a far ritornare l’appetito per i titoli tecnologici. Sorprende in positivo la societa’ Raytheon, attiva nel campo della difesa, Risultati in linea invece per il gruppo di servizi finanziari PNC Financial Services.

Non ne puoi piu’ della Borsa? Sbagliato, perche’ qualcuno guadagna sempre. Prova ad abbonarti a INSIDER: costa meno di 1 euro al giorno. Clicca sul link INSIDER

Restando sul fronte societario, il gigante delle spedizioni UPS ha deluso le attese e tagliato le stime sull’Eps del secondo trimestre, mentre l’azienda energetica ConocoPhillips, la prima delle big statunitensi del petrolio a riportare i conti relativi al primo trimestre, ha battuto le attese, anche se gli utili sono scesi dell’80%, colpiti dall’indebolimento dei prezzi delle materie prime.

Non sortisce alcun effetto particolare il nuovo aggiornamento sulle nuove richieste per ottenere sussidio che sono aumentate di 27000 unita’ a 640000 la settimana scorsa, in linea con le attese del mercato. A preoccupare e’ invece il numero di persone che continua a ricevere assegni di sussidio, salito sui livelli record di 6.14 milioni, una cifra piu’ di due volte superiore a quella di un anno fa.