WALL ST. RECUPERA, MA LA SITUAZIONE RESTA CRITICA

27 Febbraio 2009, di Redazione Wall Street Italia

A meta’ giornata i listini americani continuano a muoversi in rosso, ma al di sopra dei minimi livelli giornalieri toccati subito dopo l’apertura. Il sentiment resta comunqe negativo, infiacchito dalle ultime notizie giunte dal settore bancario e dal fronte macro.

In mattinata l’indice S&P500 si era portato ad un nuovo minimo di 12 anni, gli operatori sperano che il benchmark dell’azionario Usa sia in grado di terminare la sessione al di sopra dei minimi intraday di novembre. “Speriamo di poter risalire a 800 punti, ma prima c’e’ da superare la barriera dei 752” dice Robert Pavlik di Banyan Partners. “Gia’ chiudere al di sopra di tale resistenza sarebbe da considerarsi positivo”.

L’economia continua ad indebolirsi ulteriormente, e la contrazione del Pil registrata nell’ultimo trimestre ne e’ la prova. Il calo del 6.2%, rivisto dalla lettura preliminare pari a -3.8%, al di sotto delle attese degli economisti, conferma il difficile momento per gli Stati Uniti. Era infatti da 25 anni che il Prodotto Interno Lordo non registrava un calo di tali dimensioni.

Hai mai provato ad abbonarti a INSIDER? Costa meno di 1 euro al giorno. Clicca sul
link INSIDER

A deprimere il mercato sono anche le notizie diffuse da Citigroup. La banca ha raggiunto un accordo con il governo e con alcuni investitori privati, tra cui il principe saudita Alwaleed Bin Talal, i quali convertiranno le rispettive azioni privilegiate in azioni ordinarie. Il gruppo ha anche annunciato un’ulteriore perdita fiscale nello scorso anno. Il titolo e’ venduto a piene mani, in calo di oltre il 30%. Lo spider del settore segna un ribasso del 3.20%, tra gli altri titoli risultano deboli Bank of America (-14%) e Morgan Stanley. Trattano in positivo invece JP Morgan e Goldman Sachs.

A livello settoriale le migliori performance sono segnate dai comparti: Specialty Stores +3.55%, Home Furnishing +3.14%, Diversified Metals & Mining +2.71%, Hypercenters and Supercenters +2.67%, & Construction & Farm Machinery +2.63%. Tra i piu’ forti ribassi: Life & Health Insurance -13.62%, Other Diversified Financial Services-7.47%, Automobile Manufacturers -5.73%, Multi-line Insurance -5.64%, & Diversified banks -5.44%.

Alle 12.30 E.T. il volume di scambio e’ di 724 milioni di pezzi al NYSE e 964 milioni al Nasdaq. I titoli in rialzo contro quelli in ribasso sono 1132 a 1572 al Nyse e 1296 a 1253 al Nasdaq. I nuovi massimi contro i nuovi minimi delle ultime 52 settimane sono: 1 a 296 al NYSE e 1 a 259 al Nasdaq.