WALL ST. PROVA A PRENDERE IL LARGO, BENE L’HI-TECH

26 Marzo 2009, di Redazione Wall Street Italia

L’azionario si avvicina al traguardo di meta’ seduta estendendo i guadagni di ieri (controlla la performance in tempo reale) sulla scia di una serie di risultati trimestrali superiori alle attese, tra cui quelli del leader dell’elettronica al consumo Best Buy, e delle nuove cifre relative al mercato del lavoro che, sebbene non certo eccezionali, confermano che l’economia potrebbe aver iniziato a muovere i primi passi verso il recupero.

In realta’ le letture sul Pil nel quarto trimestre e le richieste di sussidi di disoccupazione settimanali hanno offerto segnali contrastanti sullo stato di salute dell’economia dipingendo un quadro in chiaro scuro. Ma i numeri non mettono in discussione la nozione, ormai consolidata nel mercato da qualche settimana, che il peggio potrebbe essere alle spalle. Il Prodotto Interno Lordo del quarto trimestre e’ risultata in calo del 6.3% (consensus -6.2%) mentre le richieste di sussidio sono aumentate a 652 mila unita’ (stime 650 mila).

“Non sarei sorpreso di vedere questo rally portare l’S&P sopra quota 1000 punti”, dice Tom Wirth, senior investment officer di Chemung Canal Trust, che gestisce $1.5 miliardi. “Sono arrivati uno dietro l’altro dati migliori delle attese”, ha concluso riferendosi alle trimestrali societarie.

Hai mai provato ad abbonarti a INSIDER? Scopri i privilegi delle informazioni riservate, clicca sul
link INSIDER

Tra i titoli caldi, particolarmente ispirata Best Buy (+16%), dopo che il leader mondiale dell’elettronica al consumo ha pubblicato un utile trimestrale in calo del 23%, ma superiore alle attese degli analisti grazie al balzo delle vendite nei rivenditori di nuova apertura. Intanto i titoli ConAgra Foods guadagnano quasi il 7%, dopo che l’azienda alimentare ha presentato risultati che hanno sorpreso in positivo le attese del mercato. Anche la societa’ Dr Pepper Snapple ha registrato utili migliori delle stime, che hanno messo le ali al titolo (oltre +9%).

Si distingue in positivo anche General Motors (+13%), sostenuto dalle speculazioni secondo cui la casa di Detroit in crisi dovrebbe ricevere nuovi aiuti governativi. In luce anche Denbury Resources (oltre +3%), dopo che Standard & Poor’s ha annunciato che aggiungera’ il titolo all’S&P 500 al posto di Rohm e Haas, che e’ stata acquistata da Dow Chemical. Deboli invece quest’oggi i finanziari, penalizzati dalle preoccupazioni suscitate dall’annuncio di una revisione del sistema finanziario ad opera dell’amministrazione Obama. L’indice XLF scambia in lieve calo.