WALL ST. PRENDE IL LARGO CON INDUSTRIALI E HI-TECH

9 Settembre 2009, di Redazione Wall Street Italia

Il mercato accelera per il quarto giorno consecutivo, trascinato al rialzo in particolare dalle societa’ del settore industriale, con gli investitori che sembrano voler seguire il consiglio di Goldman Sach di comprare tali azioni. Nel frattempo l’investitore Michael Price suggerisce di non sottovalutare il valore delle azioni americane.

Vuoi sapere cosa comprano e vendono gli Insider di Wall Street? Prova ad abbonarti a INSIDER: costa meno di 1 euro al giorno. Clicca sul link INSIDER

Il paniere dei tecnologici guadagna oltre l’1%, anche se le migliori perfomance di giornata si registrano in altri comparti. General Electric sale sui massimi di gennaio, mentre Illinois Tool Works balza sui livelli piu’ alti da giugno, dopo che la banca d’affari Goldman Sachs ha osservato che le societa’ del settore industriale tendono a battere il mercato quando l’attivita’ manifatturiera torna a crescere.

Tra le prove piu’ convincenti di giornata, figurano anche Sears Holding e eBay (+4%), dopo la revisione al rialzo del target price da parte di Bernstein e dopo che gli analisti di Sanford C. Bernstein & Co. hanno sottolineato che il business core delle aste online e’ giunto a un punto di svolta.

In ambito di notizie societarie, uno dei dirigenti di Boeing ha annunciato che il traffico di passeggeri tornera’ a crescere il prossimo anno, spingendo al rialzo i titolo del gigante aerospazioale. Il titolo si porta in vetta al Dow. Starbucks avanza con decisione dopo che la catena di coffee shop ha deciso di riaprire 30 negozi dopo che le vendite sono state superiori alle attese

L’S&P 500 ha fatto un rimbalzo del 52% dai minimi di 12 anni toccati a inizio marzo, con una serie di dati macro che hanno segnalato l’allentamento della morsa della recessione sull’economia. Allo stesso tempo non sono mancate le societa’ che hanno registrato utili sorprendentemente positivi nello scorso trimestre, tra cui Johnson & Johnson e Goldman Sachs, solo per citarne alcune.

Secondo l’analista Price il mercato azionario Usa assomiglia a quello del 1975-1982, quando l’S&P 500 ha raddoppiato il proprio valore, aggrappandosi in particolare alla perfomance delle piccole banche.

A livello settoriale le migliori performance sono segnate dai comparti: Natural Gas-UNG +4.9%, Global Shipping-SEA +2.3%, Internet-HHH +2.1%, Industrials-XLI +1.9%, Russell 2K-IWM +1.9% and Solar-TAN +1.8%. Tra i piu’ forti ribassi: Base Metals-DBB -0.9%, 20+ yr Treasuries-TLT-0.7%, U.S. Dollar-UUP -0.5%.

Alle 18.30 circa il volume di scambio e’ di 525 milioni di pezzi al NYSE e 490 milioni al Nasdaq. I titoli in rialzo contro quelli in ribasso sono 2187 a 745 al Nyse e 1815 a 718 al Nasdaq. I nuovi massimi contro i nuovi minimi delle ultime 52 settimane sono: 139 a 1 al NYSE e 84 a 4 al Nasdaq.