WALL ST. OSCILLA INDECISA ATTORNO ALLA PARITA’

16 Gennaio 2001, di Redazione Wall Street Italia

A circa un’ora dall’apertura delle contrattazioni a New York, i principali indici di borsa oscillano intorno alla soglia di parita’. Tendenza negativa solo per il Nasdaq che risente delle previsioni negative per il settore dei semiconduttori.

Verifica quotazioni indici aggiornate IN TEMPO REALE in prima pagina.

La prima seduta della settimana – ieri i mercati erano chiusi in occasione delle celebrazioni del Martin Luter King’s Day – si preannuncia densa di annunci per quanto riguarda gli utili aziendali: ben 720 societa’ infatti presenteranno i propri dati di bilancio entro venerdi’ prossimo e le aspettative non sono positive.

“C’e’ ancora molto pessimismo sui mercati – ha detto Ken Sheinberg, capo del tarding sul Nyse per S.G. Cowen Securities Corp. – Gli investitori tengono gli occhi puntati sui big”.

Dopo la raffica di utili per il settore finanziario, a tenere il fiato sospeso sono i produttori di chip che attendono i dati di bilancio del colosso Intel, questa sera alla chiusura delle contrattazioni.

Alcuni analisti hanno infatti previsto che la prima societa’ di semiconduttori al mondo, anche se per poco, non sara’ in grado di rispettare le aspettative di mercato sugli utili relativi all’ultimo trimestre dell’anno. Le attese sono per un utile di 37 centesimi per azione.

Sul fronte macroeconomico, il dipartimento del Commercio Usa ha comunicato questa mattina che le scorte di magazzino negli Stati Uniti sono aumentate nello scorso novembre dello 0,5%; le aspettative di mercato erano attestate su un valore compreso tra lo 0,4% e lo 0,6%.

L’andamento delle scorte di magazzino si presta a interpretazioni contraddittorie: l’incremento potrebbe essere infatti voluto dal sistema distributivo per tenere il passo con la domanda o potrebbe essere l’effetto indesiderato di un calo delle vendite.

A ritenere problematica l’interpretazione del dato, e’ stato lo stesso vice presidente della Federal Reserve, Roger Ferguson. Venerdi’ scorso – intervenendo a una conferenza economica in California – Ferguson ha detto: “chiaramente la domanda si e’ contratta oltre le previsioni di molte aziende e in alcuni settori le scorte di magazzino sono cresciute a livelli problematici. Le aziende tuttavia stanno adeguando rapidamente la produzione”.

Sui listini in generale mostrano una tendenza al rialzo il settore delle bevande alcoliche, prodotti per ufficio, media, computer e petrolifero.

Segno meno per attrezzature per le telecomunicazioni, semiconduttori, telecomunicazioni, cosmesi, ristorazione, utility, calzaturiero.

Tra i principali titoli in movimento questa mattina a Wall Street:

Nel settore dei semiconduttori, Intel Corp. (INTC – Nasdaq) ha deciso di acquisire Xircom (XIRC – Nasdaq), una società di prodotti per comunicazione mobile, per un totale di $748 milioni. Il titolo Intel perde oltre l’ 1%, mentre il titolo Xircom guadagna il 36%.
(Vedi Acquisizioni: Intel compra Xircom a $25 per azione)

Nel settore dei media, il colosso guidato da Rupert Murdoch, News Corp (NWSA – Nasdaq), sta valutando l’acquisizione della società americana di televisione satellitare DirecTV, controllata da General Motors (GM – Nyse), per $40 miliardi. Entrambi i titoli perdono circa lo 0,5%.
(Vedi Media: News Corp valuta acquisto di DirecTV)

Nel settore finanziario, Citigroup Inc. (C – Nyse) ha chiuso il quarto trimestre con utili in rialzo dell’11% grazie alle ottime performance nel settore delle assicurazioni per privati e delle carte di credito. Il titolo Citigroup perde quasi l’ 1%.
(Vedi Utili: Citigroup non delude i mercati)

Nello stesso settore, Bank of America Corp. (BAC – Nyse) ha registrato per il quarto trimestre un utile di 85 centesimi per azione, al di sotto delle attese dei principali analisti di Wall Street per un centesimo ad azione e in ribasso del 27% sull’anno. Il titolo Bank of America perde lo 0,5%.
(Vedi Utili: Bank of America manca gli obiettivi)

Nel settore delle telecomunicazioni, Motorola, Inc. (MOT – Nyse), il secondo produttore mondiale di telefoni cellulari al mondo, ha annunciato l’intenzione di terminare la produzione nello stabilimento di Harvard, Illinois, con il conseguente licenziamento di circa 2.500 dipendenti. Il titolo Motorola perde quasi il 2%.
(Vedi Tlc: Motorola taglia 2.500 posti di lavoro in Usa)

Nello stesso settore, AOL Time Warner Inc. (AOL – Nyse) ha annunciato questa mattina che il servizio Internet di America Online ha superato alla fine delle feste natalizie la soglia dei 27 milioni di utenti registrati. Il titolo Aol guadgana circa il 3,5%.
(Vedi Internet: oltre 27 milioni di utenti per Aol)

Sempre nel settore delle telecomunicazioni, Qualcomm Inc. (QCOM – Nasdaq) cede questa mattina quasi il 4% dopo che Globalstar Telecommunications (GSTRF – Nasdaq), un operatore americano di telefonia satellitare, ha fatto sapere di sospendere a tempo indeterminato i pagamenti sul debito. Il titolo Globalstar perde quasi il 46%.
(Vedi Borsa: Globalstar pesa su Qualcomm)

Nel settore alimentare, il gruppo Nestlè ha acquistato per $10,3 miliardi, pari a $33,50 per azione, l’americana Ralston Purina (RAL – Nyse) ed è così diventata leader mondiale nei cibi secchi per cani e gatti. Il titolo Ralston guadgana oltre il 29%.
(Vedi Alimentare: Nestle’ acquisisce Ralston Purina)

Nel settore del trasporto aereo, Southwest Airlines (LUV) ha chiuso il quarto trimestre con utili di $154,7 milioni, pari a 29 centesimi per azione, in rialzo rispetto ai 18 centesimi per azione registrati nello stesso periodo dello scorso anno e battendo le aspettative dei principali analisti per un centesimo. Il titolo perde circa l’ 1,5%.

Nel settore della componentistica industriale, Ceradyne (CRDN) ha chiuso il quarto trimestre con utili di 14 centesimi ad azione, contro le aspettative di 11 centesimi degli analisti. Il titolo guadagna quasi l’ 11,5%.

Nel settore alimentare, Pepsi Bottling (PBG) ha confermato le sue previsioni sugli utili relativi all’intero anno 2000 compresi tra $1,49 e $1,53 per azione, in linea con le aspettative dei principali analisti. Il titolo perde quasi il 3,5%.

Ecco di seguito la lista dei 10 titoli piu’ scambiati
al New York Stock Exchange (dati delle 10.00) con rispettivi
volumi, prezzi e variazioni percentuali (verificare chiusure definitive
cliccando sul simbolo dei singoli titoli)
:

SIMBOLO

SOCIETA’

VOLUME

PREZZO (in $)

VARIAZIONE    (in punti)

VARIAZIONE (percentuale)

RAL

Ralston Purina

1,931,000

31.88

+7.25

+29.44%

LU

Lucent Technologies

2,912,900

18.19

-0.75

-3.96%

PFE

Pfizer

1,897,300

41.19

-0.25

-0.60%

AOL

America Online

1,883,500

47.50

+1.03

+2.22%

T

AT&T

1,843,300

24.19

-0.25

-1.02%

NT

Nortel Networks

1,748,300

32.25

-1.13

-3.37%

GE

General Electric

1,682,000

46.13

+0.44

+0.96%

C

Citigroup

1,408,500

52.75

-0.38

-0.71%

EMC

EMC

1,140,100

70.88

+2.06

+3.00%

LMG.A

At&t – Liberty media 

1,802,800

16.06

+0.19

+1.18%

Ecco di seguito la lista dei 10 titoli piu’ scambiati
al Nasdaq (dati delle 10.00) con rispettivi volumi, prezzi e
variazioni percentuali (verificare chiusure definitive cliccando sul simbolo
dei singoli titoli)
:

SIMBOLO

SOCIETA’

VOLUME

PREZZO (in $)

VARIAZIONE   (in punti)

VARIAZIONE (percentuale)

CSCO

Cisco Systems

7,377,500

37.63

-0.44

-1.15%

INTC

Intel  

7,233,600

31.75

-0.38

-1.17%

XIRC

Xircom

5,720,900

24.56

+6.50

+35.99%

ARBA

Ariba

4,887,100

35.72

+0.53

+1.51%

SUNW

Sun Microsystems

4,467,700

30.56

+0.13

+0.41%

MSFT

Microsoft

4,326,800

52.53

-0.97

-1.81%

JDSU

JDS Uniphase

3,605,200

50.25

+0.06

+0.12%

ERICY

LM Ericsson 

4,682,800

11.50

-0.81

-6.60%

WCOM

WorldCom

5,014,300

21.31

-0.44

-2.01%

ORCL

Oracle

4,912,600

32.44

+0.13

+0.39%