WALL ST: MERCATI PIATTI IN ATTESA DI CATALIZZATORI

9 Febbraio 2005, di Redazione Wall Street Italia

Avvio di seduta piatto per i listini americani, schiacciati sulla linea di parita’ in assenza di catalizzatori di rilievo dal fronte economico e societario. Il Dow Jones e l’S&P500 sono invariati a quota 10733 e 1202. Il Nasdaq cede lo 0.16% a 2083.

L’avvenimento principale della giornata riguarda le dimissioni di Carly Fiorina dal ruolo di CEO di Hewlett-Packard. La notizia ha scatenato gli acquisti sul titolo. Nelle prime battute di contrattazioni HPQ guadagna piu’ dell’8%. Il colosso informatico ha inoltre confermato le previsioni sui risultati del primo trimestre.

Alcune pressioni sui mercati Usa arrivano dai risultati trimestrali diffusi martedi’, dopo la chiusura, da Cisco Systems. Il colosso delle infrastrutture network ha riportato utili in linea con le attese ma ha deluso leggermente sul fatturato. Molti operatori sono inoltre preoccupati dall’andamento delle scorte e dei margini operativi. Diverse banche d’affari hanno tuttavia espresso commenti a sostegno della societa’.

Buone notizie invece dall’azienda di infrastrutture telecom UTStarcom, che ha riportato risultati in linea con le stime (in precedenza riviste al ribasso) nell’importante mercato cinese.

Vedi decine di small e medium cap in forte crescita segnalate da
WSI nella rubrica Titoli Caldi, una delle 11 sezioni in tempo reale
riservate agli abbonati a INSIDER. Se non sei gia’ abbonato, clicca sul
link INSIDER

Sul fronte economico, nel mese di dicembre le scorte di magazzino all’ingrosso negli Stati uniti sono salite dello 0.4% contro il +0.9% atteso dal mercato.

Passando alle commodities, e’ in lieve calo il prezzo del petrolio. La quotazione del greggio in questo momento cede 8 centesimi a $45.32 al barile. Il petrolio ha perso terreno a partire dal 25 gennaio, quando si e’ spinto vicino ai $50 sulla scia delle preoccupazioni di un inverno rigido. Molto attesi sono i dati settimanali sulle scorte, in calendario alle 16:30 ora italiana.

Sugli altri mercati, sono invariati i titoli di Stato. Il rendimento sul Treasury a 10 anni e’ al 4.04%. L’oro e’ in calo di $1.3 a $413 all’oncia e l’euro viene scambiato a 1.2758 contro il dollaro.