WALL ST: MERCATI CAUTI PRIMA DEI DATI SUL PETROLIO

22 Dicembre 2004, di Redazione Wall Street Italia

Avvio di seduta cauto per gli listini americani, fermi sulla linea di parita’ dopo il rally di martedi’. Il Dow Jones e’ invariato (-0.06%) a 10752, l’S&P500 (-0.03%) e’ a quota 1205 e il Nasdaq cede lo 0.15% a 2147.

Da segnalare che il Dow Jones ieri si e’ spinto ai massimi di tre anni e mezzo. Dai minimi di ottobre 2002 l’indice industriale e’ in aumento del 48%.

Buone notizie sono arrivate in mattinata dagli indicatori economici. Nel terzo trimestre il dato definitivo sul prodotto interno lordo degli stati uniti ha registrato un incremento del 4%. Il valore e’ maggiore rispetto alla stima precedente e alle pervisioni degli analisti, entrambi al +3.9%.

L’attenzione degli operatori e’ concentrata sul petrolio. Alle 16:30 ora italiana saranno diffusi i dati settimanali sulle scorte di greggio. Nel frattempo il future con scadenza febbraio guadagna 4 centesimi a $45.80 al barile.

Passando alla cronaca societaria, Microsoft ha perso la causa di appello alla Corte Europea contro le sanzioni imposte al gruppo della autorita’ antitrust dell’UE. La societa’ di chip per telecomunicazioni Qualcomm ha alzato le previsioni sui risultati del primo trimestre fiscale, mentre Solectron ha tagliato le stime per il 2005. Buone notizie sugli utili le ha diffuse il gruppo software Cognos, contrastai i risultati e l’outlook di Research in Motion.

Vedi decine di small e medium cap in forte crescita segnalate da
WSI nella rubrica Titoli Caldi, una delle 11 sezioni in tempo reale
riservate agli abbonati a INSIDER. Se non sei gia’ abbonato, clicca sul
link INSIDER

La vicinanza delle vacanze natalizie dovrebbe rendere la giornata relativamente cauta. Ricordiamo che venerdi’ i mercati americani resteranno chiusi.

Sugli altri mercati, sono in lieve ribasso i titoli di Stato. Il rendimento sul Treasury a 10 anni e’ al 4.18% contro il 4.17% della chiusura di martedi’. L’oro viene scambiato a $443 all’oncia e il dollaro tratta a 1.3377 contro l’euro.