WALL ST: L’EUFORIA CEDE
IL PASSO ALLA CAUTELA

7 Agosto 2002, di Redazione Wall Street Italia

Delusi da numerose brutte notizie sui fronti societario e geopolitico e sulle stesse prospettive degli indici, i mercati frenano gli entusiasmi di ieri e proseguono gli scambi come funamboli su una fune sospesa nel vuoto: estremamente cauti. L’euforia dell’apertura sulla scia dei risultati e delle prospettive di Cisco (CSCO – Nasdaq) sembra gia’ svanita come fumo, mentre si riaccendono i dubbi sulla ripresa degli utili e degli stessi mercati azionari. Il colosso delle infrastrutture per Internet da solo, come avevano gia’ anticipato alcuni esperti, non basta infatti a convincere gli investitori che il peggio sia gia’ alle spalle, soprattutto quando continuano arrivare segnali di debolezza da altre parti.

Verificare aggiornamento indici IN TEMPO REALE in prima pagina

Al proposito, J.P. Morgan ha ridotto le stime sugli utili per il 2002 e 2003 dei colossi Citigroup (C – Nyse) e Merrill Lynch (MER – Nyse), Moody’s ha tagliato il rating sul debito della blue chip Alcoa (AA – Nasdaq) e per cio’ che riguarda gli indici, CIBC World Markets ha rivisto al ribasso le stimesulle performance di performance di S&P 500, Nasdaq e Dow Jones entro la fine dell’anno. Non buone neanche le notizie arrivate dalle societa’ di servizi pubblicitari TMP Worldwide (TMPW – Nasdaq) che ha espresso cautela sul settore. Il titolo cede subito oltre il 30%. Da segnalare poi che il dollaro, rafforzatosi ieri, torna oggi a perdere terreno nei confronti dell’euro e dello yen.

Anche le preoccupazioni sugli scandali contabili sembrano difficili da cancellare e anzi tornano a preoccupare gli investitori. Il caso di oggi e’ la societa’ di software Verisign (VRSN – Nasdaq) indagata dalla Federal Trade Commission (l’organo Usa di controllo sul commercio) sulle pratiche contabili. Il titolo cede quasi il 13%. Continuano inoltre a circolare tra gli operatori voci non molto confortanti sulla situazione finanziaria di
Qwest (Q – Nyse) . Proprio tali rumor avevano portato gli indici a limare decisamente i guadagni nelle ultime battute della seduta di ieri.
Nel frattempo continua non molto felicemente la vicenda della conglomerata Tyco International (TYC – Nyse).

Ombre arrivano anche dal fronte internazionale. Continuano infatti le tensioni in Medio Oriente con nuovi morti a Gaza. Tensioni anche in Afghanistan dove sono riportate notizie di scambi di colpi di armi da fuoco tra truppe regolari afgane e possibili appartenenti ad Al Quaeda. Non sarebbero coinvolte truppe americane.

I dati sul fronte macroeconomico comunicati prima e dopo l’apertura – prezzi all’importazione e scorte di magazzino all’ingrosso non hanno avuto un grande impatto sui mercati.

I TITOLI E I SETTORI IN MOVIMENTO

In calo la conglomerata industriale Tyco International (TYC – Nyse) dopo la otizia, riportata dal Wall Street Journal che il gruppo avrebbe dato $135 milioni all’ex amministratore delegato Dennis Kozlowski in qualita’ di prestiti a fondo perduto, pagamenti per immobili, spese personali e donazioni.

In ribasso il colosso dell’alluminio e blue chip del Dow Jones Alcoa (AA – Nyse) dopo che l’agenzia di rating Moody’s ne ha tagliato il rating sul debito a lungo termine dal livello “A1” ad “A2”.

TELECOMUNICAZIONI (XTC) e WIRELESS (YLS) . IN PERDITA.
Sui settori pesano le preoccupazioni sulla situazione finanziaria del colosso
Qwest (Q – Nyse) che negli scambi cede il 20%. In rosso le societa’ di telefonia AT&T (T – Nyse), SBC (SBC – Nyse), Verizon (VZ – Nyse), BellSouth (BLS – Nyse) e Sprint (FON – Nyse). In crescita invece il colosso dei cellulari
Nokia (NOK – Nyse) che ha annunciato l’intenzione di eliminare 900 posti di lavoro presso la divisione Nokia Networks, che a livello globale conta circa 19.000 dipendenti. La maggior parte dei tagli sara’ effettuata entro la fine dell’anno.

SOFTWARE (GSO). IN ROSSO.
Il settore accusa il forte calo e le notizie negative della societa’ Verisign (VRSN – Nasdaq) indagata dalla Federal Trade Commission (l’organo Usa di controllo sul commercio) sulle pratiche contabili. Il titolo cede quasi il 10%. In guadagno, per il momento Microsoft (MSFT – Nasdaq) e Oracle (ORCL – Nasdaq)

FINANZIARI (DJ_FIN). DEBOLE.
Il settore ha cominciato ad accusare i commenti negativi di J.P. Morgan sui colossi Citigroup (C – Nyse) e Merrill Lynch (MER – Nyse). MER e’ ora in calo, C continua in rialzo come JPM. In rosso invece
Goldman Sach (GS – Nyse) sulla scia di alcuni rumor.

BIOTECH (BTK). IN PERDITA.
Sul settore biotecnologico pesano i commenti di Salomon Smith Barney che ha dichiarato che le stock options sono troppo care e che avranno un impatto sugli utili di alcuni titoli biotech, come Medimmune (MEDI – Nasdaq), IDEC Pharmaceuticals (IDPH – Nasdaq), Genentech (DNA – Nyse), Biogen (BGEN – Nasdaq) e Amgen (AMGN – Nasdaq).

SEMICONDUTTORI (SOX). IN LEGGERO RIALZO. In guadagno Intel (INTC – Nyse) e Texas Instruments(TXN – NYse)

Per avere tutti i dettagli clicca su WSI TITOLI CALDI , in INSIDER.