WALL ST: INFLAZIONE CONTENUTA, IL MERCATO GRADISCE

15 Dicembre 2005, di Redazione Wall Street Italia

Avvio di seduta in rialzo per gli indici americani, spinti dagli incoraggianti dati su inflazione e produzione industriale. Il Dow Jones e’ in progresso dello 0.22% a 10907.5, l’S&P500 avanza dello 0.06% a 1273, il Nasdaq e’ in rialzo dello 0.07 a 2274. Alcune note positive arrivano anche dal comparto societario e dal settore energetico.

Il Dipartimento del Commercio ha comunicato che nel mese di novembre l’indice dei prezzi al consumo (CPI) ha registrato un decremento dello 0.6%, guidato principalmente dal calo dei prezzi energetici, scesi dell’8%.

Il dato si e’ rivelato migliore delle attese dgli analsiti che erano per una contrazione dello 0.4%. Rispettate le attese per il dato “core”, ovvero l’indice depurato delle componenti piu’ volatili quali cibo ed energeia, salito dello 0.2%.

Buono anche l’aggiornamento sulla produzione industriale dello stesso mese. L’indicatore e’ cresciuto dello 0.7%, in misura maggiore al consensus che prevedeva una crescita dello 0.5%. In rialzo anche la capacita’ di utilizzazione degli impianti.

Leggermente peggiore delle stime, invece, l’aggiornamento dal comparto del lavoro. Nella settimana conclusasi il 10 dicembrte, le nuove richieste per sussidi di disoccupazione sono salite di mille unita’ a quota 329.000. Le attese erano per un calo a 320 mila.

Relativamente al comparto societario, Microsoft ha annunciato un aumento del dividendo trimestrale pari al 12.5% ed ha confermato l’ottimismo sui progetti futuri.

Le azioni del colosso del tabacco Altria saranno seguite con particolare attenzione dagli investitori, in occasione del verdetto su un caso giudiziario che vede coinvolto il gruppo. Al momento il titolo e’ in progresso di quasi l’1%.

Sotto i riflettori anche la farmaceutica Merck. L’azienda offrira’ maggiori dettagli, in un incontro con gli analisti, sulle strategie che intendera’ adottare per tornare alla profittabilita’

In ambito di M&A, il colosso biotech Amgen ha reso pubblica l’intenzione di acwuisire Abgenix per un controvalore di $2.2 miliardi, con lo scopo di prendere il pieno controllo del progetto su un nuovo farmaco contro il cancro, al momento in fase di sviluppo

Spunti positivi arrivano anche dal comparto energetico. In mattinata il petrolio sta trattando in territorio negativo, sulla scia dell’inaspettato aumento delle scorte comunicato nella giornata di ieri. Al momento il contratto futures con scadenza gennaio cede 24 centesimi a quota $60.61 al barile.

Vedi decine di small e medium cap in forte crescita segnalate da
WSI nella rubrica Titoli Caldi, una delle 9 sezioni in tempo reale
riservate agli abbonati a INSIDER. Se non sei gia’ abbonato, clicca sul
link INSIDER

Sugli altri mercati sono in ribasso i titoli di Stato. Il rendimento sul Treasury a 10 anni e’ al 4.49%. Continua a cedere terreno l’oro, in calo di $1.20 a $508.30. Sul valutario, infine, l’euro viene scambiato a quota 1.1974 contro il dollaro.