Società

WALL ST: INDICI USA IN BUON RIALZO A META’ SEDUTA

Questa notizia è stata scritta più di un anno fa old news

*Marco Bonelli, Managing Director di Raymond James, e’ molto conosciuto tra gli investitori istituzionali e i trader italiani. I suoi commenti quotidiani di meta’ seduta sull’andamento della Borsa Usa (comprese le indicazioni di trading operativo e le posizioni rialziste) non implicano responsabilita’ alcuna per Wall Street Italia, che notoriamente non svolge alcuna attivita’ di trading e pubblica tali indicazioni a puro scopo informativo. Si prega di leggere, a questo proposito, il disclaimer ufficiale di WSI.

_______________________________________

La sessione di oggi si e’ aperta in denaro. I dati macro sono stati positivi. Il prezzo del greggio e’ appena al di sotto dei $53 al barile.

Al momento, l’indice Dow Jones e’ in denaro di 76 punti a 10909, il Nasdaq è in rialzo di 11 punti a 2069 e l’S&P500 sta guadagnando 9 punti a 1219.
Si stanno distinguendo in positivo i settori linee aeree, costruzioni, finanziari, energia, “retail”, trasporti e servizi per le telecomunicazioni.
Le letture del rapporto “put-call” sono state del 156% alle 10:00 e 160% alle 11:00.
L’indice VIX si trova al livello di 12.28. L’indice ”advance/decline” sta facendo registrare una lettura di +1600. I volumi sono di 715 milioni di titoli scambiati.

TRADING OPERATIVO:

Ieri pomeriggio, abbiamo deciso di aprire una nuova posizione rialzista su Stein Mart (SMRT). Riteniamo che il titolo sia pronto per un movimento verso i $22.50. Al momento, SMRT sta guadagnando oltre il 2%.

Questa mattina invece abbiamo coperto la nostra posizione al ribasso su EBAY, con un discreto guadagno di oltre il 4%.

Tra le nostre posizioni al rialzo, si stanno distinguendo in positivo i titoli di TSRA +1%, FO +1.2%, HON +0.8%, THQI +1.1% e NMGA +0.7%. Infine, NVLS, YHOO e GILD sono pressoche’ invariati

La nostra posizione al ribasso su EBAY e’ in lettera dello 0.5%.

Vedi decine di small e medium cap in forte crescita segnalate da
WSI nella rubrica Titoli Caldi, una delle 11 sezioni in tempo reale
riservate agli abbonati a INSIDER. Se non sei gia’ abbonato, clicca sul
link INSIDER

DA QUI ALLA CHIUSURA:

Lunedi’ mattina, sara’ pubblicato il dato macro sul credito al consumo.

POSIZIONI RIALZISTE:

GILD (APERTA IL 27/9 A $35.80; ATTUALE $35.02; PERF –2.18%)

NMGA (APERTA IL 23/11 A $68.40; ATTUALE $74.30; PERF +8.63%)

NVLS (APERTA IL 3/12 A $29.40; ATTUALE $28.24; PERF –3.95%)

YHOO (APERTA IL 13/12 A $37.65; ATTUALE $32.40; PERF –13.94%)

STX (APERTA IL 9/2 A $17.45; CHIUSA IL 24/2 A $17.10; PERF –2.01%)

TSRA (APERTA IL 16/2 A $40.18; ATTUALE $41.0; PERF +2.04%)

FO (APERTA IL 18/2 A $83.60; ATTUALE $83.0; PERF –0.72%)

HON (APERTA IL 23/2 A $37.30; ATTUALE $38.32; PERF +2.73%)

THQI (APERTA IL 25/2 A $27.10; ATTUALE $27.93; PERF +3.06%)

SMRT (APERTA IL 3/3 A $21.12; ATTUALE $21.72; PERF +2.84%)

POSIZIONI RIBASSISTE:

EBAY (APERTA IL 17/2 A $43.20; CHIUSA IL 4/3 A $41.36; PERF +4.26%)

BORSA: USA; DATO SU OCCUPAZIONE SPINGE AL RIALZO INDICI/ANSA

ROMA, 4 mar – Giornata decisamente positiva, anche se almeno fino a questo momento non euforica, per gli indici di borsa statunitensi, che stanno avvicinando nuovi massimi pluriennali dopo il dato relativo ai nuovi posti di lavoro creati a febbraio, a quota 262mila, oltre le previsioni.

Il Dow Jones in particolare è ormai a ridosso della soglia posta a undicimila punti, mentre lo S&P 500 si avvicina ad un livello mai visto dal mese di agosto del 2001. Il dato sui posti di lavoro – che si accompagna peraltro ad una crescita al 5,4% del tasso di disoccupazione – non ha comunque infiammato il mercato azionario, con gli indici in rialzo frazionale, sostenuti anche dall’ andamento leggermente al ribasso del prezzo del petrolio, ieri a ridosso del record storico.

Fra i singoli comparti e titoli, vanno bene oggi i finanziari, con Wachovia che guadagna 91 cents, a 53,49 dollari, mentre JPMorgan Chase sale di 42 cents, a 37,43 dollari. Nel comparto delle utilities, TXU è in rialzo di 2,61 dollari, a 80,11 dollari, mentre Exelon avanza di 1,16 dollari, a 46,67. Fra i tecnologici, bene Dell Computer, che guadagna 68 cents, a 40,68 dollari, dopo aver dato il via libera ad un’ operazione di buy-back, cioé di riacquisto di azioni proprie, fino ad un massimo del 10% dei titoli in circolazione.

Intel, numero 1 nei semiconduttori, a sua volta sale di 24 cents, a 24,74 dollari, dopo che l’ azienda ha messo a punto una nuova versione dei suoi chips di memoria per i telefoni cellulari. Fra gli assicurativi, AON beneficia del patteggiamento – per un importo di 190 milioni di dollari – con la procura generale di New York, nell’ ambito dell’ inchiesta che verte su presunte ‘mazzette’ corrisposte dalle compagnie ai broker. Il titolo guadagna così 74 cents, a 24,91 dollari.

In questo stesso settore peraltro è in calo AIG, -24 cents, a 64,72 dollari, in quanto il Governo Usa ha chiesto al gruppo informazioni nell’ ambito dell’ inchiesta che verte su una transazione operata con Berkshire Hathaway. Fra gli automobilistici, in calo verticale Delphi (componenti) per via della burrasca ai vertici che ha portato all’ estromissione del direttore finanziario Alan Dawes a seguito di un’ inchiesta interna su una transazione effettuata con Electronic Data Systems. Il titolo lascia sul terreno il 12% a 5,6 dollari.

Fra i farmaceutici, prosegue il ribasso di Biogen, -1,64 dollari, a 37,69 dollari, in quanto anche su un altro paziente sono stati accertati gravi effetti collaterali conseguenti all’ utilizzo del Tysabri contro la sclerosi multipla, sospeso qualche giorno fa dalla commercializzazione. Fra i tonfi odierni di maggiore entità, quello di Sonus Networks, che produce apparecchiature al servizio della telefonia mobile, -15% a 4,7 dollari dopo che l’ andamento delle vendite (in calo del 7,3% nel quarto trimestre) ha deluso gli analisti.

Nel settore petrolifero, ChevronTexaco perde dieci cents, a 61,09 dollari, e Marathon Oil 43 cents, a 47,47. I due titoli sono stati oggetto di una revisione la ribasso (al livello di ‘neutral’) da parte di un analista di Banc of America Securities. Sempre sul versante dei dati macroeconomici (oltre a quelli sul mercato del lavoro), gli ordini alle fabbriche a gennaio sono cresciuti dello 0,2%, in controtendenza rispetto alle stime, mentre il dato finale sulla fiducia dei consumatori elaborato dall’ università del Michigan a febbraio si è posizionato su 94,1 contro 95,5 del mese prima.

Attorno alle 18.15 ora italiana l’ indice Dow Jones avanza dello 0,73% a 10.912,26 punti, il Nasdaq composite dello 0,59% a 2.070,52 e lo S&P 500 dello 0,79% a 1.220,04. (ANSA).