WALL ST: INDICI RESISTONO MA PREOCCUPA IL GREGGIO

12 Aprile 2006, di Redazione Wall Street Italia

*Marco Bonelli, Managing Director di Raymond James, e’ molto conosciuto tra gli investitori istituzionali e i trader italiani. I suoi commenti quotidiani di meta’ seduta sull’andamento della Borsa Usa (comprese le indicazioni di trading operativo e le posizioni rialziste) non implicano responsabilita’ alcuna per Wall Street Italia, che notoriamente non svolge alcuna attivita’ di trading e pubblica tali indicazioni a puro scopo informativo. Si prega di leggere, a questo proposito, il disclaimer ufficiale di WSI.

_______________________________________

La sessione di oggi si e’ aperta in leggero denaro. Circuit City (CC) e Genentech (DNA) hanno pubblicato utili trimestrali superiori alle stime ed hanno fatto commenti positivi per il prossimo trimestre. Sono state alzate le stime di Motorola (MOT), Hershey (HSY) e Kla Tencor (KLAC), mentre abbassate quelle di Google (GOOG) e Kellogg (K).

Al momento, l’indice Dow Jones e’ in rialzo di 36 punti a 11126, il Nasdaq e’ in denaro di 1 a 2312 e l’S&P500 guadagna 2 punti a 1288.
Positive le performances dei settori oro, raffinerie, semiconduttori, linee aeree e biotecnologia.

L’indice VIX si trova al livello di 12.80. L’indice “advance/decline” sta facendo segnare una lettura di -200. I volumi sul NYSE sono di 600 milioni di titoli scambiati.

TRADING OPERATIVO:

Questa mattina, l’unica nostra posizione in ribasso e’ FILE che perde lo 0.8%. In rialzo invece HON +1.2%, SSTI +1% e VRSN +0.8%.

Vedi decine di small e medium cap in forte crescita segnalate da
WSI nella rubrica Titoli Caldi, una delle 8 sezioni in tempo reale
riservate agli abbonati a INSIDER. Se non sei gia’ abbonato, clicca sul
link INSIDER

DA QUI ALLA CHIUSURA:

Domani mattina, saranno pubblicati i dati macro sui prezzi import/export, sulle richieste di nuovi sussidi di disoccupazione, sulle vendite al dettaglio e sul “sentiment” (dato preliminare) dell’Universita’ del Michigan.

POSIZIONI RIALZISTE:

HON (APERTA IL 21/12 A $38.00; ATTUALE $42.42; PERF. +11.63%)

SSTI (APERTA IL 29/12 A $5.16; ATTUALE $4.51; PERF. –12.60%)

FILE (APERTA IL 25/1 A $27.35; ATTUALE $28.77; PERF +5.19%)

VRSN (APERTA IL 30/3 A $23.50; ATTUALE $24.06; PERF +2.38%)

BORSA: NEW YORK, SEDUTA INCOLORE, BENE TRIMESTRALI/ANSA

Seduta sostanzialmente incolore quella odierna di Borsa a New York, condizionata anche dal fatto che il prezzo del petrolio ha continuato a salire, ad un passo dai 70 dollari e quindi dai massimi storici. Al tempo stesso, le trimestrali finora non hanno deluso le attese, mentre la giornata economica presentava in calendario in pratica solo il dato riferito al deficit commerciale di febbraio, che in ogni caso ha un impatto sopratutto sui cambi.

Fra le società che hanno presentato i conti trimestrali, va particolarmente bene Circuit City, la catena commerciale dell’ elettronica di consumo che guadagna 59 cents a 25,2 dollari dopo aver riportato un utile per azione di 80 cents che è superiore alle indicazioni fornite dagli analisti di Thompson Financial.

Fra i titoli di maggiore richiamo, in deciso rialzo è Boeing, +4,2% a 83,94 dollari sulla scia delle vendite di velivoli programmate dal Gruppo in Cina, che quest’ anno dovrebbero arrivare a 120 unità, con questo confermando i valori dello scorso anno.

Per il resto, Allied Waste avanza di 57 cents a 13,51 dollari, come conseguenza della valutazione positiva sul titolo espressa da un analista di JPMorgan, che ha formulato il giudizio di ‘overweight’, cioé sovrapesare. Allied Waste è il secondo operatore del Paese nel comparto del trasporto dei rifiuti.

Fra i telefonici, Motorola sale di 24 cents a 23,81 dollari, anche in questo caso beneficiando del giudizio degli analisti, in quanto Bear Stearns valuta adesso il titolo al livello di ‘outperform’, cioé meglio del mercato. Fra gli altri titoli, Harley-Davidson, il colosso delle moto, cede il 4,2% a 50,76 dollari, la peggiore performance fra i titoli compresi nello S&P 500, in quanto un analista di JPMorgan ha affermato che gli obbiettivi produttivi dell’ azienda potrebbero rivelarsi troppo alti. La società ha riportato i dati trimestrali, da cui è risultato un profitto di 86 cents per azione, in linea con le aspettative.

Fra i titoli minori, si segnala in positivo Ceradyne, azienda che produce blindati per le Forze Armate statunitensi e che guadagna 4,17 dollari, a 51,36 dollari, dopo aver preannunciato un utile di 90 cents per azione ed un fatturato di 136 milioni di dollari nel trimestre, sopra le previsioni degli analisti.

Tornando ai dati macro e quindi al deficit commerciale, a febbraio in ogni caso si è ridotto a 65,7 miliardi di dollari, meglio delle aspettative, per via del forte calo delle importazioni dalla Cina.

Attorno alle 18.40 ora italiana l’ indice Dow Jones guadagna lo 0,43% a 11.137,48 punti, il Nasdaq composite lo 0,16% a 2.314,11 e lo S&P 500 lo 0,18% a 1.288,94.