WALL ST. IN ROSSO, OCCHI SUL FOMC, VOLATILE IL GREGGIO

11 Aprile 2007, di Redazione Wall Street Italia

Listini azionari Usa in ribasso a meta’ giornata. Il Dow Jones arretra dello 0.49% a 12512, l’S&P500 e’ in calo dello 0.40% a 1442, il Nasdaq dello 0.44% a 2466. La trimestrale diffusa da Alcoa ([[AA]]) e’ risultata superiore alle attese degli analisti ma le previsioni sulla stagione degli utili lasciano una forte incertezza sull’estensione dei rialzi nell’azionario. Inoltre c’e’ un certo nervosismo per le minute del Fomc, da cui si spera di poter ottenere maggiori informazioni sulla politica monetaria della Fed.

I risultati fiscali di Alcoa ([[AA]]), l’azienda di alluminio n.1 al mondo, che hanno dato il via alla stagione degli utili societari, si sono attestati a livelli superiori alle attese degli analisti, ma cio’ non e’ stato sufficiente ad incentivare gli investitori a proseguire sulla strada degli acquisti.

Le attese degli economisti sono per un rialzo medio del 5% per gli utili delle societa’ facenti parte dell’indice S&P500, in netto calo rispetto alla crescita a doppia cifra a cui si e’ assitito negli ultimi 14 trimestri. La produttivita’ e’ entrata in una fase di stallo nell’ultimo anno e le stime sui risultati hanno spesso subito revisioni al ribasso che lasciano intendere dunque una contrazione dei profitti societari.

La tensione sui mercati e’ anche legata all’attesa per il rilascio delle minute del Fomc, il braccio operativo della Federal Reserve, relative all’incontro svoltosi lo scorso 21 marzo in cui la Banca Centrale Americana aveva aperto uno spiraglio ad un possibile, vicino taglio ai tassi d’interesse.

Hai mai provato ad abbonarti a INSIDER? Scopri i privilegi delle informazioni riservate, clicca sul
link INSIDER

Intanto nel comparto energetico il petrolio e’ sceso sotto i $62 dollari al barile dopo essere schizzato al rialzo a causa del forte calo delle scorte settimanali di benzina(Visita la sezione Target News per i dettagli). I futures con consegna maggio sono in ribasso di 2 centesimi a $61.87 al barile.

Sul valutario l’euro e’ stabile nei confronti del dollaro a quota 1.3435. In lieve progresso l’oro: i contratti sul metallo prezioso avanzano di $0.20 a $681.70 l’oncia. In leggero rialzo i titoli di Stato Usa: il rendimento sul Treasury a 10 anni e’ sceso al 4.7120%.