WALL ST. IN RIPRESA, MA LE BANCHE FANNO FATICA

11 Febbraio 2010, di Redazione Wall Street Italia

I listini si avvicinano al giro di boa in progresso, incorraggiati dalle notizie giunte dal fronte macro e dall’Europa dove e’ stato raggiunto un accordo per aiutare la Grecia a ridurre il suo enorme deficit di bilancio.

Gia’ prima del suono della campanella i futures scambiavano in territorio positivo, favoriti dall’annuncio del presidente dell’Unione Europea Herman Van Rompuy in cui veniva data la conferma del raggiungimento di un accordo per correre in soccorso della Grecia.

Tuttavia i dettagli sono ancora molto vaghi e questa, insieme al rafforzamento progressivo del dollaro, puo’ essere considerata una delle motivazioni per cui il mercato ha poi aperto in rosso. A proposito di mercato delle valute, l’euro e’ scivolato momentaneamente sotto quota $1.36.

Confortanti i numeri pubblicati dal Dipartimento del Lavoro, da cui e’ emerso che le nuove richieste di sussidio di disoccupazione sono calate piu’ del previsto la settimana scorsa, sui minimi dal 2 gennaio. Le domande continuative sono invece scese ai livelli piu’ bassi da dicembre 2008.

Per i tuoi investimenti, segui il feed in tempo reale di Wall Street Italia INSIDER. Se non sei abbonato, fallo subito: costa solo 0.77 euro al giorno, provalo ora!

Restano particolarmente fiacchi invece i finanziari (benchmark XLF piatto), con JP Morgan (-0.3%) che e’ tra i peggiori titoli sul Dow. Gli investitori hanno paura che i problemi sul fronte del debito in Europa possano espandersi a macchia d’olio anche al di fuori dei confini del Vecchio Continente.

In forte denaro il colosso assicurativo AIG, che ha lanciato un nuovo sistema per classificare i dipendenti in base alla loro performance, che prevede anche bonus e incentivi in base alle prestaizoni.

Tra le note positive di giornata figura anche 3M. La produttrice dei post-it si e’ portata in vetta al paniere delle blue chip dopo che gli analisti di Sanford Bernstein hanno promosso il rating a Outperform da Market perform, citando margini e tasso di crescita in miglioramento.

In ambito di trimestrali hanno pubblicato i conti fiscali, tra gli altri PepsiCo, Marriott International, Philip Morris, Autonation e Viacom. La casa automobilistica Autonation, la catena alberghiera Marriot e la societa’ media Viacom hanno battuto le stime. In linea gli utili della societa’ di bibite.

A livello settoriale le migliori performance sono segnate dai comparti:
Coal-KOL +4.4%, Gold Miners-GDX +3.8%, Metals and Mining-XME +3.7%, Steel-SLX +3.2%, Base Metals-DBB +2.9%, Australia-EWA +2.7%, China-FXI +2.4%, Home Builders-XHB +2.3%, Silver-SLV +2.2% e Semiconductors-SMH +2.0%. Le peggiori: Spain-EWP -1.9%, Volatility-VXX -1.5%, Italy-EWI -1.1%, France-EWQ -0.7% e Germany-EWG -0.7%.

Alle 18:30 circa il volume di scambio e’ di 465 milioni di pezzi al NYSE e 960 milioni al Nasdaq. I titoli in rialzo contro quelli in ribasso sono 2076 a 843 al Nyse e 1640 a 885 milioni al Nasdaq. I nuovi massimi contro i nuovi minimi delle ultime 52 settimane sono: 40 a 6 al NYSE e 34 a 12 al Nasdaq.