WALL ST. IN RIMONTA, AVANZANO SANITARI E GM

27 Aprile 2009, di Redazione Wall Street Italia

I listini azionari invertono rotta al giro di boa (controlla la performance in tempo reale), con i risultati migliori del previsto di Humana e l’annuncio del nuovo piano di ristrutturazione di General Motors, che hanno oscurato le preoccupazioni suscitate dall’epidemia da febbre suina, che si teme potrebbe colpire societa’ alberghiere, compagnie aeree e aziende energetiche.

Continua a regnare comunque un certo nervosismo, in particolare dopo i commenti dell’Organizzazione Mondiale sulla Sanita’ (OMS), che ha annunciato la possibilita’ di alzare il livello di allerta alla fase 4 o 5 se il bilancio delle persone decedute a causa della malattia non dovesse dare segni di rallentamento. Il Comitato dell’Organizzazione, ha inoltre confermato 40 casi negli Stati Uniti 26 in Messico, sei in Canada e uno in Spagna.

Tra i migliori, Humana fa un balzo di oltre il 6% dopo che ha annunciato di aver chiuso il trimestre con guadagni piu’ che raddoppiati. CVS Caremark e Walgreen avanzano sulle speculazioni che l’influenza sunia alimentera’ le vendite di farmaci e prodotti per la cura dell’igiene. Qualcomm sale del 6% dopo che il leader mondiale di chip per telefonini ha riferito che quest’anno le vendite supereranno gli obiettivi.

Non ne puoi piu’ della Borsa? Sbagliato, perche’ qualcuno guadagna sempre. Prova ad abbonarti a INSIDER: costa meno di 1 euro al giorno. Clicca sul link INSIDER

Sotto i riflettori General Motors, in progresso del 30% dopo che la casa automobilistica ha annunciato i dettagli del nuovo piano di ristrutturazione per evitare la bancarotta. Previsti il taglio di 21 mila posti di lavoro in Usa, un’operazione di swap con i proprietari di bond per liberarsi di un debito di $27 miliardi e l’offerta al governo di una quota del capitale di sino al 50% in cambio di uno sconto di circa la meta’ del debito governativo.

All’interno di un settore health care tonico, che beneficia delle previsioni di una diffusione dell’epidemia da influenza suina, si mette in luce AstraZeneca (+4%), favorita dalla promozione di Ubs a Buy da Neutral. La banca d’affari ha citato il valore attuale, su minimi storici sia dei titoli dell’azienda pharma che del settore europeo in generale.

Tuttavia i timori di una diffusione su larga scala della malattia hanno messo sotto pressione gli energetici e sopratutto le compagnie aeree. Delta Air Lines, compagnia numero uno al mondo, cede il 14%, mentre UAL, operatore di United Airlines, scivola del 17%. Si distinguono in negativo anche la societa’ leader nel settore delle navi da crociera, Carnival (-10%), e l’azienda petrolifera Chevron.