WALL ST: IMPENNATA DEI FUTURE DOPO PIL

27 Giugno 2002, di Redazione Wall Street Italia

A meno di un’ora dall’inizio delle contrattazioni a Wall Street, i future sugli indici Usa guadagnano ulteriore terreno dopo il dato decisamente positivo del Pil del primo trimestre che ha registrato un aumento del 6,1% (dato rivisto dal precedente +5,6%), rivelandosi anche al di sopra delle aspettative (+5,6%).

Decisamente buoni e migliori delle attese anche i sussidi di disoccupazione, diminuiti di 10.000 unita’, a quota 388.000.

Alle 14:35 (le 8:35 ora di New York) il contratto future sull’indice S&P 500 guadagna 10,80 punti (+1,11%).

Il contratto sull’indice Nasdaq è in rialzo di 20,50 punti (+1,99%).

Il contratto sull’indice Dow Jones cresce di 90 punti (+0,99%).

Sul mercato obbligazionario, l’ultima emissione del titolo del Tesoro USA a 10 anni fa registrare prezzi in calo a 100,23 e rendimenti in rialzo al 4,78%.

I titoli e i settori in movimento

INFRASTRUTTURE PER TLC
In crescita il colosso dei cellulari Motorola (MOT – Nyse) ha confermato le stime sul secondo trimestre e sul 2002.
In salita anche la societa’ di infrastrutture per tlc Juniper Networks (JNPR – Nasdaq) nonostante potrebbe navigare in cattive acque, nel caso in cui l’operatore telefonico Qwest Communications (Q – Nyse) seguisse le stesse orme della rivale Worldcom

SOFTWARE (GSO)
In calo diversi titoli del settore dopo che la banca d’affari Credit Suisse First Boston ha tagliato le stime su tre societa’ software: Rational Software (RATL – Nasdaq), Verisign (VRSN – Nasdaq) e Informatica (INFA – Nasdaq).

SEMICONDUTTORI (SOX)
In crescita il comparto dopo che la banca d’affari Lehman Brothers ha alzato il giudizio su molti titoli come Micron Technology (MU – Nyse). Il broker ha tuttavia tagliato le stime sui colossi Intel (INTC – Nasdaq) e Hewlett Packard (HPQ – Nyse) che pero’ al momento non sembrano risentire della nota.
A dare uno slancio al settore anche la nota positiva della banca d’affari Bear Stearns sulle infrastrutture chip: secondo il broker i titoli sono in generale ipervenduti e continua a raccomandare acquisti aggressivi su AMKR e considera attraenti MTSN e SMTL.

FINANZIARI(DJ_FIN), BANCARI (BIX) E BROKERAGGIO (DJ_SCR)
Il colosso finanziario e una delle blue chip del Dow Jones Citigroup (C) ha dichciarato di aspettarsi “trascurabili” perdite nette sul cretdito dalla sua esposizione all’operatore di telefonia di lunga distanza WorldCom (WCOME – Nasdaq) che ha ammesso una frode contabile per $3,8 miliardi. Tuttavia la banca prevede modeste perdite derivanti dal suo ruolo di market maker per le azioni del gruppo.

LO SCANDALO WORLDCOM
Meno di 24 ore dopo che lo scandalo contabile dell’operatore Usa di telefonia a lunga distanza WorldCom (WCOME – Nasdaq)e’ venuta alla luce, la ha Securities and Exchange Commission , l’organo di controllo Usa sui mercati (la Consob italiana) ha accusato formalmente la societa’ di frode, dopo che questa ha illegalmente mancato di contabilizzare $3,8 miliardi di spese nei libri contabili. Intanto nel suo primo commento pubblico dopo la sconvolgente rivelazione della frode contabile da $3,8 miliardi, John Sidgmore , amministratore delegato dell’orperatore Usa di telefonia a lunga distanza WorldCom (WCOME – Nasdaq) ha dichiarato che la societa’ intraprendera’ alcuni passi per sostenere la fiducia degli investitori e ridurre il debito. Sidgmore ha difeso inoltre le azioni della societa’, dicendo che e’ stata proprio un’indagine interna a scoprire la condotta disonesta e illecita societaria.

Per avere tutti i dettagli clicca su WSI PRE-BORSA, in INSIDER. Abbonati subito!