WALL ST: I MERCATI PROVANO A RECUPERARE TERRENO

6 Ottobre 2005, di Redazione Wall Street Italia

Avvio di seduta contrastato per i listini americani, che si alternano sopra e sotto la linea di parita’ a causa della elevata incertezza che regna in questa fase tra gli operatori finanziari. Il Dow Jones guadagna lo 0.42% a 10360, l’S&P500 lo 022% a 1199 e il Nasdaq e’ invariato a 2103.

Dopo la pesante perdita di mercoledi’, che ha spinto gli indici azioanari a violare importanti supporti tecnici, i mercati faticano a stabilizzarsi. Il Dow Jones ieri ha registrato la maggiore flessione dal 23 giugno.

Spesso si assiste a improvvisi capovolgimenti di fronte, segno dell’enorme grado di incertezza e nervosismo che regna tra gli operatori. La volatilita’ elevata sembra essere il tra tto distintivo dell’andamnto dei mercati nelle ultime settimane.

Al forte nervosimso contribuiscono le preoccupazioni su un aumento dell’inflazione e dei tassi d’interesse, riaccese da recenti dichiarazioni i esponenti della Fed, e i timori di un rallentamento economico. I dati di ieri dal settore dei servizi sono risultati i piu’ deboli da due anni.

Un sostegno ai mercati, secondo alcuni commentatori, potrebbe arrivare venerdi’, con i dati di settembre sull’occupazione. Si tratta del primo indicatore di rilievo a riflettere l’impatto effettivo che hanno avuto gli uragani sull’economia Usa.

Gli analisti si aspettano in media un aumento degli occupati di 129 mila unita’, ma il range delle stime questa volta e’ molto ampio, segno dell’incertezza che regna tra gli operatori. Ancora per quanto riguarda il mercato del lavoro, oggi si sono rivelati peggiori delle attese i dati sulle nuove richieste di sussidi di disoccupazione, salite a 390 mila unita’, contro le 350 mila previste degli analisti.

Nel frattempo sono arrivate buone notizie dal fronte societario. La conglomerata industriale Geneal Electric ha rivisto al rialzo la fascia bassa del range di previsioni degli utili per il trimestre in corso e per l’intero anno 2005. L’azienda ha anche incrementoto il programma di riacquisto di azioni proprie di $1 miliardo portandolo a $4 miliardi.

Il gruppo retail Costco Wholesale ha riportato utili migliori delle attese e ha annunciato un piano di buyback per $1 miliardo. Il colosso Wal-Mart ha riportato vendite comparate di settembre in aumento del 3.8% e ha confermato le stime sugli utili del terzo trimestre di $0.55-0.59 (consensus $0.58) e ha annunciato che il Katrina pesera’ per un centesimo per azione sugli utitli trimestrali. In netta crescita anche le vendite comparate della catena di bar Starbucks.

Sotto i riflettori ancora Apple Compute: First Albany ha confermato il rating Buy e ha alzato il price target sul titolo. Buoni anche i giudizi di una banca d’affari su Google.

Vedi decine di small e medium cap in forte crescita segnalate da
WSI nella rubrica Titoli Caldi, una delle 10 sezioni in tempo reale
riservate agli abbonati a INSIDER. Se non sei gia’ abbonato, clicca sul
link INSIDER

Sugli altri mercati, sono invariati i titoli di Stato. Il rendimento sul Treasury a 10 anni e’ al 4.34%. L’oro guadagna $2 a $471.3, il petrolio cede $1.60 centesimi a $61.19 al barile e l’euro viene scambiato a 1.2115 contro il dollaro.