WALL ST: I MERCATI PROSEGUONO SULLA VIA DEI RIALZI

7 Giugno 2004, di Redazione Wall Street Italia

Avvio di seduta positivo per le borse americane, che proseguono sulla via dei rialzi dopo la buona prova di venerdi’ favorita dai dati sull’occupazione. Il Dow Jones guadagna lo 0.62% a 10306 e il Nasdaq lo 0.77% a 1993.

La crescita robusta del mercato del lavoro, emersa dal rapporto sull’occupazione di maggio, ha ulteriormente rafforzato la fiducia degli operatori nella solidita’ della ripresa.

Restano le preoccupazioni su un aumento di tassi e inflazione, ma l’ottimismo sulle prospettive di crescita dell’azienda America per il momento sembrano avere il sopravvento.

A favorire il buonumore degli operatori oggi e’ inoltre il calo del prezzo del petrolio, che si spinge verso l’area dei $38 al barile, e le notizie su nuove operazioni di fusioni e acquisizioni.

L’aumento delle scorte registrato negli Stati Uniti e la decisione dell’Opec di alzare le quote di produzione stanno spingendo al ribasso la quotazione del greggio per la quarta giornata consecutiva.

La catena di casino’ MGM Mirage ha lanciato un’offerta di takeover sulla concorrente Mandalay Resort. Dall’operazione, del complessivo di $4.85 miliardi, nascerebbe la prima catena di case da gioco degli Stati Uniti.

Passando agli utili, l’attenzione dei mercati e’ concentrata sui risultati di bilancio di Texas Instruments. Il colosso dei chip pubblichera’ la trimestrale questa sera, dopo la chiusura delle borse. [Vedi decine di azioni in movimento segnalate da
WSI nella rubrica Titoli Caldi, una delle 12 sezioni in tempo reale
riservate agli abbonati a INSIDER. Se non sei gia’ abbonato, utilizza il
link INSIDER]

Sugli altri mercati, il dollaro e’ in ribasso nei confronti dell’euro, con il cambio balzato ai massimi di 2 mesi ($1.2313). In calo, inoltre, i titoli di Stato. Il rendimento sul Treasury a 10 anni e’ al 4.79%.

Da segnalare che oggi al New York Stock Exchange e’ stato osservato un minuto di silenzio per la morte dell’ex presidente americano Ronald Reagan.