WALL ST: I LISTINI USA RITROVANO LA VIA DEI RIALZI

27 Luglio 2004, di Redazione Wall Street Italia

Avvio di seduta positivo per i listini americani, che riprovano ad imboccare la via dei rialzi spinti da alcune buone notizie dal fronte societario. Il Dow Jones guadagna lo 0.32% a 9994, l’S&P500 lo 0.26% a 1086 e il Nasdaq lo 0.36% a 1845.

A favorire la buona partenza degli indici sono alcune cifre incoraggianti sugli utili. Quello di oggi, pero’, potrebbe essere l’ennesimo tentativo dei mercati Usa di mettere a segno un rally e invertire la rotta seguita da alcuni mesi. Nelle ultime settimane e’ accaduto spesso che i guadagni delle prime ore di contrattazioni si azzerano nel prosieguo della seduta.

A pesare sull’umore degli operatori di recente sono state soprattutto le preoccupazioni sulla crescita dei profitti, non sempre all’altezza delle aspettative degli analisti. I dati macroeconomici poco brillanti e le attese di nuovi aumenti dei tassi d’interesse hanno accresciuto i timori di un rallentamento della ripresa.

L’elevato prezzo del greggio, che continua a stare sopra i $40 al barile, le questioni geopolitiche e le paure di nuovi attacchi terroristici contribuiscono ulteriormente ad accrescere l’avversione al rischio degli investitori.

Tra le societa’ che oggi hanno pubblicano le trimestrali, sono risultati migliori delle attese gli utili di Verizon (VZ), Omnicom (OMC), Lockheed Martin (LMT) e Du Pont (quest’ultima ha pero’ deluso sulle previsioni). Questa sera sara’ la volta di PeopleSoft (PSFT). [Vedi decine di azioni in movimento segnalate da
WSI nella rubrica Titoli Caldi, una delle 12 sezioni in tempo reale
riservate agli abbonati a INSIDER. Se non sei gia’ abbonato, utilizza il
link INSIDER]

Sul fronte economico, alle 16:00 ora italiana saranno pubblicati i dati sulla fiducia dei consumatori e le vendite di case nuove.

Sugli altri mercati, sono in lieve ribasso i titoli di Stato. Il rendimento sul Treasury a 10 anni e’ al 4.50% contro il 4.48% della chiusura di lunedi’. Il dollaro viene scambiato a 1.2151 contro l’euro, l’oro guadagna $1.2 a $391.5 all’oncia e il petrolio e’ in progresso di 16 centesimi a $41.60 al barile.