WALL ST: GRANDE DISTRIBUZIONE STENDE FUTURE SU DOW

8 Marzo 2001, di Redazione Wall Street Italia

A un quarto d’ora dall’apertura delle contrattazioni a New York, il contratto future sul Dow accentua le perdite, risentendo dei dati negativi della grande distribuzione in febbraio. Recupera lievemente il Nasdaq.

A pesare sull’indice delle Blue Chip americane i negativi dati di vendita in febbraio di numerosi big della grande distribuzione, tra cui Wal Mart, Federated Department Stores e May Department Stores.

I tre colossi hanno riportato vendite in diminuzione rispetto allo stesso periodo di un anno prima, segno che l’erosione della fiducia dei consumatori continua.

Alle 15:00 (le 9:00 ora di New York) il contratto futures sull’indice S&P 500 è in ribasso di 2,40 punti.

Il contratto sull’indice Nasdaq e’ in ribasso di 1 punto.

Il contratto sull’indice Dow Jones è in perdita di 34 punti.

Sul mercato obbligazionario, l’ultima emissione del titolo del Tesoro USA a 10 anni fa registrare prezzi a $1008,4 e rendimenti al 4,89%.