WALL ST: GLI INDICI RESISTONO IN TERRENO POSITIVO

19 Ottobre 2004, di Redazione Wall Street Italia

A meta’ seduta gli indici azionari americani azzerano parte dei guadagni registrati, condizionati da un tentativo di rialzo del prezzo del petrolio e dalla notizia di un incidente aereo nell’area metropolitana di Atlanta. Il Dow Jones guadagna lo 0.21% a 9976 e il Nasdaq lo 0.28% a 1941. In ribasso invece l’S&P 500 che cede lo 0.16% a 1112.

Per un commento operativo su indici, settori e titoli, vedi
l’aggiornamento
di meta’ sessione, curato da Marco
Bonelli
.

Un’ondata di ottimismo in apertura e’ arrivata dall’ulteriore calo delle quotazioni del greggio, che nel corso degli scambi si sono spinte sotto la soglia dei $53. Dopo un breve tentativo di rialzo che ha immediatamento causato un’inversione di marcia dei listini, il petrolio ha comunque ripiegato. Al momento il contratto con scadenza novembre perde 87 centesimi a $52.80. Ad allentare le tensioni sui prezzi energetici hanno contribuito le dichiarazioni distensive dell’Opec e dell’Agenzia Internazionale per l’Energia, che si aspettano un ridimensionamento della domanda e un conseguente abbassamento dei prezzi.

Nel corso degli scambi e’ poi arrivata la notizia di un incidente aereo nel centro di Atlanta. La reazione dei trader e’ stata immediata e i mercati sono stati investiti da un’ondata di vendite. Successive verifiche hanno evidenziato che il velicolo coinvolto era un aereo di piccole dimensioni che, dopo aver perso il controllo probabilmente a causa di un temporale, e’ andato a sbattere contro un vecchio edificio abbandonato.

Un supporto ai titoli tecnologici lo hanno fornito i buoni risultati trimestrali riportati da IBM e da Texas Instruments. Il colosso informatico nell’after hour di lunedì ha pubblicato utili migliori delle attese e ha alzato le previsioni sui risultati futuri. Incoraggianti anche la trimestrale e le previsioni della societa’ dei semiconduttori Texas Instruments, il titolo ha pero’ ricevuto alcuni downgrade dalle banche d’affari.

Tra le blue chip del Dow Jones i migliori rialzi li registrano IBM, Honeywell, Intel e Merck & Co. Guidano invece la classifica dei ribassi Alcoa, AIG, General Motors, JP Morgan Chase e Verizon.Vedi decine di azioni segnalate da
WSI nella rubrica Titoli Caldi, una delle 12 sezioni in tempo reale
riservate agli abbonati a INSIDER. Se non sei gia’ abbonato, clicca sul
link INSIDER

Dal fronte macroeconomico, si sono rivelati peggiori delle attese i dati di settembre sui nuovi cantieri edili . L’indicatore e’ calato del 6% a quota 1.90 milioni di uita’ (dato annualizzato). In linea con le previsioni l’atteso dato sui prezzi al consumo. A settembre l’inflazione usa e’ salita dello 0.2%. Il dato “core” e’ invece in aumento dello 0.3%.

Sugli altri mercati, sono in ribasso i titoli di Stato. Il rendimento sul Treasury a 10 anni e’ al 4.07% contro il 4.05% della chiusura di lunedi’. L’oro guadagna $3.20 a $420.8 all’oncia e il dollaro, tornato a indebolirsi, viene scambiato a 1.2515 contro l’euro.