WALL ST: FUTURE NON RIESCONO A RISALIRE LA CHINA

18 Giugno 2002, di Redazione Wall Street Italia

A mezzora dall’inzio delle contrattazioni i future tentano debolmente di recuperare terreno. Permane tuttavia il segno meno, nonostante la comunicazione dei dati macroeconomici relativi all’ inflazione e ai nuovi cantieri edili di maggio, che si sono rivelati positivi.

L’inflazione e’ rimasta invariata, sebbene il “core rate ” abbia registrato un aumento dello 0,2%. Impennata invece dei nuovi cantieri edili, cresciuti dell’11,6%.

Ma sui mercati pesa l’ennesimo attacco terroristico sferrato a Gerusalemme. Incide sulla performance del Dow Jones anche la decisione della banca d’affari Morgan Stanley di tagliare le stime sugli utili e sul fatturato del colosso informatico Ibm (IBM – Nyse).

Dopo il rally della seduta di ieri, gli investitori tornano cosi’ a smobilizzare le posizioni accumulate, in quella che e’ una settimana che vede protagonisti gli utili che saranno comunicati dalle banche d’affari. Oggi e’ stata la volta di Lehman Brothers (LEH – Nyse), che ha battuto le stime di mercato. Tuttavia si teme che, contestualmente alla comunicazione degli utili e sulla scia dei recenti scandali che hanno colpito l’intero comparto del brokeraggio, molte banche d’investimento nella settimana in corso decideranno di tagliare drasticamente i costi, annunciando nuovi licenziamenti .

Non sprona gli acquisti il commento della banca d’affari US Bancorp Piper Jaffray , che ha consigliato agli investitori di rimanere prudenti. Dichiarazioni piu’ confortanti sono provenute da Merrill Lynch , che ha dichiarato che gli Usa non accuseranno una recessione a doppio minimo.

Alle 15:00 (le 9:00 ora di New York) il contratto future sull’indice S&P 500 perde 3,30 punti (-0,32%).

Il contratto sull’indice Nasdaq è in ribasso di 9 punti (-0,78%).

Il contratto sull’indice Dow Jones cede 35 punti (-0,36%).

Sul mercato obbligazionario, l’ultima emissione del titolo del Tesoro USA a 10 anni fa registrare prezzi invariati a 100,14 e rendimenti al 4,82%.

Settori

Occhi puntati sulla performance degli hardware (GHA ), che potrebbero accusare la decisione della banca d’affari Morgan Stanley di tagliare le stime sugli utili e sul fatturato del colosso informatico Ibm (IBM – Nyse). Il settore potrebbe tuttavia essere risollevato dal titolo della societa’ di comunicazioni Broadcom (BRCM – Nasdaq), il cui rating e’ stato tagliato da Morgan Stanley .

Sotto i riflettori anche i telefonici (XTC – Nyse), dopo che il colosso Worldcom (WCOM – Nasdaq) si e’ difeso dal downgrade di S&P .

Utili

Positivi i risultati . della catena di distribuzione di prodotti elettronici Circuit City (CC – Nyse), che si sono rivelati al di sopra delle stime.

Migliori delle stime anche gli utili della societa’ retail Beast Buy (BBY – Nyse).

Da segnalare

Il listino hi-tech Nasdaq sta per annunciare una partnership con Commerzbank e Dresdner Bank .

Ancora nei guai la societa’ depistata dal Nasdaq Adelphia Communications che non ha onorato un debito del valore di $51,25 milioni .

Verificare le quotazioni dei titoli in movimento nel preborsa aggiornate in tempo reale cliccando BOOK USA

Per avere tutti i dettagli clicca su WSI PRE-BORSA, in INSIDER. Abbonati subito!