WALL ST: FUTURE GIU’ DOPO ‘WARNING’ E OCCUPAZIONE

6 Luglio 2001, di Redazione Wall Street Italia

A mezz’ora dall’inizio delle contrattazioni a New York i future sono tutti in calo.

Incidono sui mercati i dati sulla disoccupazione, attestatasi in giugno al 4,5%, secondo quanto comunicato dal dipartimento del Lavoro USA.

Il dato e’ tuttavia risultato migliore delle aspettative, dopo che un sondaggio condotto dall’agenzia di stampa Dow Jones insieme al canale televisivo finanziario CNBC tra gli economisti di Wall Street aveva stimato una crescita del dato al 4,6%.

Nel mese di maggio la disoccupazione aveva registrato un aumento del 4,4%.

La batosta giunge pero’ dal numero dei posti di lavoro persi nel settore non agricolo attestatisi a 114.000 rispetto alle aspettative di 50.000.

I salari medi orari in giugno sono invece saliti dello 0,3%.

Alle 15:00 (le 09:00 ora di New York) il contratto future sull’indice S&P 500 e’ in ribasso di 4,10 punti (-0,34%).

Il contratto sull’indice Nasdaq perde 18,5 punti (-1,05%).

Il contratto sull’indice Dow Jones arretra di 30 punti (-0,29%).

Sul mercato obbligazionario, l’ultima emissione del titolo del Tesoro USA a 10 anni fa registrare prezzi a $96,94 e rendimenti al 5,41%.

Sul mercato si fa sentire inoltre l’effetto di nuovi “profit warning” lanciati giovedi’ da EMC (EMC – Nyse) e Chipmaker Advanced Micro Devices(AMD – Nyse.