Società

WALL ST FIACCA, SCONTA CROLLO MERCATO IMMOBILIARE

Questa notizia è stata scritta più di un anno fa old news

BORSA: NEW YORK POCO MOSSA, VOLA CHRYSLER SU INTERESSE GM

Una giornata di Borsa sostanzialmente apatica a New York ha avuto una piccola scossa attorno a metà seduta, quando si sono diffuse le indiscrezioni relative ad una trattativa in corso che potrebbe sfociare nella cessione di Chrysler a General Motors. Come conseguenza, il titolo Chrysler guadagna il 4,7% a 73,55 dollari, dopo essere salito fino a 74,53; a sua volta General Motors è stabile attorno a 36,40 dollari.

Per il resto, la seduta borsistica non è stata influenzata più di tanto dalla ‘raffica’ di dati congiunturali, i quali hanno consolidato l’aspettativa – già delineata nei giorni scorsi dal presidente della Fed, Ben Bernanke – di un’ attenuarsi dei timori inflazionistici contestualmente ad uno scenario di graduale rallentamento dell’economia. I prezzi alla produzione a gennaio sono calati dello 0,6%, le nuove costruzioni abitative hanno segnato una caduta del 14,3%, mentre la fiducia dei consumatori misurata da Reuters e dall’ università del Michigan per febbraio è scesa a 93,3 (peggio delle attese).

Le statistiche non hanno avuto appunto un impatto significativo sulla Borsa, attenta invece sopratutto alle notizie societarie. Su questo versante perde oggi terreno Microsoft, dopo che il chief executive officer, Steve Ballmer, ha rilevato che alcuni analisti potrebbero essersi spinti troppo in avanti per quanto riguarda l’andamento delle vendite del nuovo sistema operativo Windows Vista. Il titolo lascia sul terreno così il 2,2% a 28,81 dollari, il ribasso più consistente nell’indice Dow Jones. Nel comparto auto, detto di Chrysler-GM, Goodyear cede il 3,3% a 25,1 dollari dopo che nel quarto trimestre le perdite si sono ampliate a 2,02 dollari per azione dai 29 cents di un anno prima.

I titoli del comparto aereo beneficiano invece dei ‘rumors’ legati ad un possibile takeover sul conto di AMR, la società-madre di American Airlines, che in Borsa sale di 78 cents a 38,83 dollari. UAL guadagna 30 centesimi, a 44,8 dollari, mentre Continental avanza di 45 cents, a 44,85 dollari. In vistoso rialzo fra i bancari è Compass Bancshares, +3,97 dollari a 70,34 dopo che il BBVA ha raggiunto un accordo per acquisire l’istituto per il controvalore di 9,6 miliardi di dollari.

APPENA 299 TITOLI QUOTATI SU BORSA ITALIANA, BEN 5.964 TITOLI QUOTATI SU NASDAQ E NYSE. CHE ASPETTI? E QUI SU WALL STREET ITALIA TROVI LE QUOTAZIONI IN TEMPO REALE E IL BOOK A 15 LIVELLI DI TUTTE LE AZIONI AMERICANE! CLICCA SU >>>[TOTALVIEW]<<< ALL'INTERNO DI INSIDER

Fra le società che hanno presentato oggi la trimestrale, Campbell Soup schizza al rialzo, +6,3% a 42,16 dollari, in quanto il maggiore produttore mondiale di minestre ha riportato profitti pari a 72 cents per azione, ben oltre le stime degli analisti. Fra gli altri titoli, Colgate-Palmolive guadagna 66 centesimi, a 68,57 dollari, per via del fatto che gli analisti di Banc of America Securities hanno alzato la valutazione a ‘buy’, cioé comprare. Per gli stessi motivi è in rialzo anche Coca-Cola, +14 cents a 47,99 dollari, che beneficia di un analogo giudizio espresso da Goldman Sachs, così come la rivale PepsiCo (+57 centesimi a 64,65 dollari).

Attorno alle 18.30 ora italiana l’indice Dow Jones segna -0,09% a 12.753,79 punti, il Nasdaq composite -0,23% a 2.491,26 e lo S&P 500 -0,22% a 1.453,62.