WALL ST ESTENDE IL RALLY, SNOBBA RECUPERO GREGGIO

13 Settembre 2006, di Redazione Wall Street Italia

Un’altra seduta positiva per gli indici americani, in grado di estendere il forte rally del giorno precedente nonostante il rimbalzo del greggio. Il Dow Jones e’ avanzato dello 0.39% a 11543, l’S&P500 ha chiuso in progresso dello 0.38% a 1318, il Nasdaq ha guadagnato lo 0.53% a 2227.

Le buone notizie societarie e la sensazione che la Federa Riserve lascera’ invariati i tassi d’interesse anche nel prossimo meeting, stanno giocando un ruolo fondamentale sul sentiment degli investitori, ora meno preoccupati del rallentamento economico gia’ in atto.

Gli aggiornamenti societari stanno continuando infatti a fornire un panorama sereno sugli utili e i ricavi, anche se non sono da dimenticare i profit warning annunciati nei giorni scorsi dalle aziende del comparto immobiliare. Dopo i numeri positivi di Goldman Sachs a trainare al rialzo il settore finanziario sono stati i dati trimestrali della rivale Lehman Brothers che ha facilmente battuto le stime degli analisti (EPS di $0.08 superiore al consensus). Bear Stearns e Morgan Stanley comunicheranno la trimestrale anche in settimana.

A salire in giornata sono stati anche i titoli del comparto energetico, spinti dal recupero del greggio, riuscito a chiudere una serie negativa che durava da ben sette sessioni e che gli e’ costato un deprezzamento di circa il 10%. Il rimbalzo giornaliero ha consentito ai futures con scadenza ottobre di avanzare ad un soffio dai $64, precisamente di 21 centesimi a $63.97 al barile. I dati settimanali sulle scorte hanno mostrato un incremento delle riserve di benzina, ma un calo di quelle di greggio.

Ritornando alle notizie societarie, in evidenza Ford Motor a causa dell’annuncio, che dovrebbe avvenire nei prossimi giorni, relativo ad un consistente piano di ristrutturazione mirato alla riduzione dei costi. Il titolo e’ avanzato dell’1.25% circa.

Nel settore farmaceutico, sotto pressione, Merck. Gli ultimi studi hanno dimostrato che il Vioxx incrementa i rischi associati alle funzioni renali e cardiache. Nell’hi-tech, in rosso Hewlett-Packard: il gruppo potrebbe andare incontro a nuovi problemi legati alla diffusione delle informazioni riservate, soprattutto in seguito alla scoperta di prove “schiaccianti”.

Vedi decine di small e medium cap in forte crescita segnalate da
WSI nella rubrica Titoli Caldi, una delle 8 sezioni in tempo reale
riservate agli abbonati a INSIDER. Se non sei gia’ abbonato, clicca sul
link INSIDER

Sugli altri mercati, sul valutario, in leggero rialzo l’euro nei confronti del dollaro. Nel tardo pomeriggio di mercoledi’ a New York il cambio tra le due valute e’ salito a quota $1.2695. Positiva la performance giornaliera dell’oro. I futures con scadenza dicembre sono avanzati di $2 a $596.30 l’oncia. Ancora in progresso, infine, i titoli di Stato. Il rendimento sul Treasury a 10 anni e’ sceso al 4.765%.