WALL ST. CONTRASTATA, QUARTA SETTIMANA DI CALI

10 Luglio 2009, di Redazione Wall Street Italia

Un’altra seduta sotto tono a Wall Street, a concludere la quarta settimana consecutiva di ribassi per l’azionario americano. Il Dow Jones ha ceduto lo 0.45% a 8146, l’S&P500 lo 0.40% a 879, il Nasdaq e’ invece avanzato dello 0.20%a 1756. In difficolta’ il settore energetico, qualche acquisto ha invece interessato il comparto tecnologico. Contrastati i dati macro, mentre cresce l’attesa per i risultati trimestrali di peso che saranno rilasciati la prossima settimana.

Vuoi sapere cosa comprano e vendono gli Insider di Wall Street? Prova ad abbonarti a INSIDER: costa meno di 1 euro al giorno. Clicca sul link INSIDER

Giornata negativa per i produttori di petrolio, indeboliti dal warning di Chevron emesso nell’after hour di giovedi’ sera, a causa del calo dei margini nel business della raffinazione che spingera’ al ribasso gli utili, a livelli peggiori del previsto. Ad appesantire il comparto e’ stato anche il nuovo calo giornaliero del greggio: i futures con scadenza agosto hanno ceduto 52 centesimi a $59.89 al barile.

Nei giorni scorsi gli operatori erano stati inizialmente rincuorati dai numeri fiscali diffusi dal colosso dell’alluminio Alcoa, risultati migliori delle attese, ma l’aggiornamento dell’azienda petrolifera li ha inevitabilmente riportati sulla difensiva. Sia Alcoa che Chevron sono componenti del Dow Jones.

La settimana prossima vedra’ in prima linea i giganti dell’industria tecnologica. Lunedi’ sara’ Novellus Systems a diffondere la trimestrale, martedi’ tocchera’ all’azienda leader del comparto dei semiconduttori Intel. Gli analisti si aspettano un forte calo degli utili e delle vendite. Ma con molte probabilita’ i trader presteranno maggiore attenzione alla linee guida per i prossimi mesi, per valutare la qualita’ ed i tempi della ripresa economica. Tra le altre Big che diffonderanno i risultati societari la prossima settimana si distinguono anche Johnson & Johnson, Google, JP Morgan e General Electric.

Tra le altre news societarie, l’upgradi di Goldman Sachs sui produttori di hardare e software ha permesso a Citrix Systems, Dell e McAfee di muoversi in controtendenza rispetto al mercato. Nel settore dell’auto, da menzionare l’uscita di General Motors dalla fase di amministrazione controllata, dopo essere stata per poco piu’ di un mese sotto la supervisione del tribunale fallimentare.

In riferimento agli aggiornamenti macroeconomici, contrastati gli ultimi dati. Gli operatori sono rimasti delusi dal calo piu’ marcato del previsto della lettura preliminare sulla fiducia dei consumatori a cura dell’Universita’ del Michigan. I prezzi import/export hanno registrato un progresso decisamente superiore alle attese in giugno, mentre il disavanzo della bilancia commerciale si e’ inaspettatamente ristretto nel mese di maggio.

Sugli altri mercati, sul valutario euro nuovamente in calo nei confronti del dollaro. Nel tardo pomeriggio di venerdi’ a New York il cambio tra le due valute e’ di $1.3949. In ribasso l’oro. I contratti con scadenza agosto sono arretrati di $3.70 a $912.50. Positivi infine i Titoli di Stato. Il rendimento sui Treasury a 10 anni e’ sceso al 3.2950% dal 3.4130% di giovedi’.