WALL ST. CONTRASTATA: NASDAQ SU CON EBAY

21 Gennaio 2010, di Redazione Wall Street Italia

Apertura incerta tra denaro e lettera per il mercato azionario americano, con i conti decisamente superiori alle previsioni di Goldman Sachs che non sono stati sufficienti a mettere in secondo piano le preoccupazioni circa la situazione occupazionale.

Il Dow Jones cede lo 0.05% a quota 10598.17 punti, il Nasdaq guadagna lo 0.37% a 2299.84 punti, mentre l’S&P 500 avanza dello 0.12% attestandosi in area 1139.46.

Dopo i cali marcati di ieri il mercato sembra essersi stabilizzato. I conti molto convincenti di Goldman Sachs, il cui EPS e’ risultato di $3 superiore alle stime, consentono ai titoli di avanzare di quasi l’1% in avvio.

Sempre in ambito di trimestrali, la perdita piu’ limitata delle attese della banca regionale Fifth Third ha spinto i titoli in rialzo del 7%. Fa ancora meglio eBay, che dopo aver riportato ieri a mercati chiusi numeri superiori alle previsioni in mattinata si rende protagonista di un’accelerazione di oltre otto punti percentuali.

Per i tuoi investimenti, segui il feed in tempo reale di Wall Street Italia INSIDER. Se non sei abbonato, fallo subito: costa solo 0.77 euro al giorno, provalo ora!

Seagate Tech fa un balzo dell’11%, dopo che la societa’ ha pubblicato utili piu’ alti del previsto e emesso un outlook molto solido nel corso della conference call di ieri sera.

Tuttavia il numero di richieste settimanali di sussidio di disoccupazione piu’ alto delle attese e il dollaro forte non aiutano a tenere alto il morale degli operatori. Si teme inoltre per una stretta monetaria in Cina.

Sugli altri mercati, sul valutario il dollaro continua a guadagnare terreno sull’euro, che non e’ stato certo aiutato dall’inatteso rallentamento in gennaio dell’espansione dei settori manifatturiero e dei servizi in Europa. La moneta unica si indebolisce a $1.4081.

Nel comparto energetico in progresso le quotazioni del greggio. I futures con consegna marzo avanzano di $0.17 attestandosi a quota $77.91 al barile. In lieve flessione l’oro a $1107.42 l’oncia (-$0.47). Arretrano i prezzi dei Titoli di Stato, con il rendimento sul benchmark decennale che e’ salito al 3.6750% guadagnando 16 punti base rispetto a ieri.