WALL ST: AVVIO CAUTO, INVESTITORI ATTENDONO FED

21 Agosto 2001, di Redazione Wall Street Italia

Partenza incerta per le borse USA, dove si attende una seduta volatile fino al pomeriggio, quando il Federal Open Market Committee (FOMC), l’organo della banca centrale USA che annuncera’ la sua decisione in materia di tassi di interesse.

Verificare aggiornamento indici in TEMPO REALE in prima pagina

I volumi potrebbero restare contenuti in attesa della comunicazione della banca centrale americana, per la quale il mercato prevede un taglio al costo del denaro di 25 punti base.

Abby Joseph Cohen, chief investment strategist di Goldman Sachs e uno dei guru piu’ seguiti (e criticati) a Wall Street, ha ridotto il target 2001 sull’indice Standard & Poor’s 500 portandolo da 1.550 a 1.500.

Cohen, che solo il primo agosto aveva confermato le sue stime sostenendo che il ‘peggio era passato’ per mercati finanziari ed economia, non e’ che l’ultima degli analisti di Wall Street a ridurre il target sull’S&P 500.

Il target sui 12 mesi e’ ora di 1.550 punti per l’indice delle societa’ USA a piu’ alta capitalizzazione.

La strategist ha inoltre fatto sapere di attendersi nel 2001 utili operativi di $51 per azione per le societa’ contenute nell’indice S&P 500, mentre nel 2002 di $56 per azione.

Sul fronte degli utili, Agilent Technologies (A – Nyse), societa’ attiva nella progettazione di strumenti per la misurazione, ha riportato nel terzo trimestre fiscale una perdita di $219 milioni, o 48 centesimi per azione.

Su base pro forma la perdita e’ stata di $109 milioni o 24 centesimi per azione contro gli utili di $158 pari a 34 centesimi per azione dell’anno scorso.

Il risultato ha superato le stime degli analisti (consensus Thomson Financial/First Call), che si attendevano una perdita di 34 centesimi per azione.

Il gruppo ha inoltre annunciato che tagliera’ 4 mila posti di lavoro, pari il 9% del totale, entro la mta’ del 2002.

Ha presentato i risultati trimestrali anche Staples Inc. (SPLS – Nasdaq), il secondo fornitore americano di prodotti per l’ufficio, che ha riportato nel secondo trimestre fiscale utili netti $40.4 milioni, o 9 centesimi per azione.

Il risultato ha centrato le stime degli analisti (consensus Thomson Financial/First Call), che si attendevano utili di 9 centesimi per azione.