WALL ST.: APRE MALE, DELUSIONE SUL FRONTE LAVORO

5 Dicembre 2003, di Redazione Wall Street Italia

(WSI) NEW YORK – 5 DICEMBRE – Clima negativo in apertura per gli indici americani: il disappunto del mercato per il report sullo stato dell’occupazione a novembre e’ forte.

Parte male il Nasdaq (condizionato dalle brutte notizie provenienti da Intel): l’indice hi-tech perde nei primissimi minuti l’1%, a quota 1949. In rosso anche il Dow Jones, che lascia sul campo lo 0.20%, a 9911 punti.

Giornata fitta di appuntamenti per la macroeconomia. Il dato sui nuovi posti di lavoro ha pesantemente deluso le aspettative. A novembre sono stati aggiunti solo 57.000 posti di lavoro contro i 150.000 previsti. Il tasso di disoccupazione e’ sceso dal 6,0% al 5,9%.

A Borsa aperta sono attesi i dati sugli ordini all’industria e sul credito al consumo per il mese di ottobre. A meno di grosse sorprese l’influenza sul mercato dovrebbe essere scarsa.

Sul fronte valutario, il dollaro rimane sotto quota $1,21 contro l’euro (XEU), beneficiando della decisione del Presidente Bush sull’abolizione delle tariffe protezionistiche sull’acciaio. Il dollaro ha subito negativamente con ulteriori vendite il dato macro negativo, la valuta Usa non gradisce che l’economia americana crei meno posti di lavoro del previsto (da Target News, in tempo reale per gli abbonati a INSIDER).

__________________________________________

Per risolvere i tuoi dubbi finanziari, ti consigliamo di provare uno strumento formidabile che ti potra’ far da guida – oggettiva e distaccata – nei tuoi investimenti: il servizio INSIDER di Wall Street Italia (costa meno di 17 euro al mese!). Se non sei gia’ abbonato, provalo per un mese utilizzando il link INSIDER