WALL ST.: APERTURA SENZA BRIO, INDICI VIVACCHIANO

4 Dicembre 2003, di Redazione Wall Street Italia

(WSI) NEW YORK – 4 DICEMBRE – Apertura fiacca per la borsa americana. Il fatto che ieri il Nasdaq abbia fallito l’impresa del sorpasso di quota 2000, non ha certo migliorato, alle prime battute della sedute, le aspettative degli investitori circa l’andamento dell’azionario.

Dopo pochi minuti di contrattazione, il Dow Jones e’ in calo dello 0.01% a quota 9872, il Nasdaq sale dello 0,35% a quota 1967.

I rialzi sono in parte limitati dal numero sulle nuove richieste di sussidi alla disoccupazione risultato superiore alle attese.

Nella settimana conclusasi il 29 novembre, le nuove richieste per i sussidi di disoccupazione negli Stati Uniti sono salite di 11.000 unita’, a 365.000. Lo ha comunicato il dipartimento del Lavoro.

La cifra e’ peggiore delle previsioni. Gli economisti, infatti, attendevano un dato a 354.000 unita’.

Oggi, tra le societa’ di maggior spicco, incontrano gli analisti: IBM (IBM – Nyse) e Intel (INTC – Nasdaq). Forte attesa soprattutto per le dichiarazioni del management di Intel che potrebbe alzare ancora una volta le stime sul fatturato e l’utile per il prossimo trimestre fiscale.

Sul fronte valutario, il dollaro recupera sull’euro (XEU) dopo alcune voci secondo le quali la Commissione Europea vorrebbe introdurre misure di limitazione della circolazione dei capitali. Le voci sono comunque state smentite. Il rapporto EUR/USD e’ a $1.2135 (da Target News, in tempo reale per gli abbonati a INSIDER).