WALL ST AFFONDA TRASCINATA DAI PROFIT WARNING

6 Luglio 2001, di Redazione Wall Street Italia

Wall Street affonda in tarda mattinata, gravata dal comparto tecnologico, finito sotto pressione per una nuova serie di allarmi utili.

Giovedi’ hanno lanciato “profit warning” EMC Corp (EMC – Nyse), Advanced Micro Devices (AMD – Nyse) e BMC Software (BMCS – Nasdaq), che hanno trascinato in territorio negativo il settore high tech.

Verificare aggiornamento indici IN TEMPO REALE in prima pagina

“Il recupero negli utili per le societa’ high tech potrebbe essere posticipato al quarto trimestre”, ha dichiarato Klaus Breil di Adig Investment, aggiungendo che alcune nuvole “resteranno all’orizzonte ancora per un po’ di tempo”.

I risultati societari deludenti “potrebbero frenare la performance dei titoli per i prossimi trimestri”, ha commentato Tom Van Leuven, strategist di J.P. Morgan Securities Inc, aggiungendo che “le aspettative sono ancora troppo alte per il mercato in generale e per il settore high tech in particolare”.

Il produttore di semiconduttori Advanced Micro Devices ha dichiarato che i guadagni nel secondo trimestre saranno inferiori di un quinto rispetto alle previsioni degli analisti, a causa della pressione sui prezzi della concorrente Intel (INTC – Nasdaq) e per il calo nella domanda di microprocessori.

La societa’ si aspetta ora un utile per azione tra $0,03 e $0,05, contro i $0,27 previsti dal consensus degli analisti.

I profit warning lanciati da EMC, Advanced Micro Devices e BMC Software hanno trascinato al ribasso anche Intel, Oracle (ORCL – Nasdaq) e Micron Technology (MU – Nyse).

SunTrust Banks Inc (STI – Nyse) ha riportato nel secondo trimestre dell’anno utili di $347,1 milioni pari a $1,19 per azione.

Il dato rientra pienamente nelle aspettative del mercato (Thomson Financial/First Call) che si attendeva utili tra i $1,13 e i $1,19 per azione.

BMC Software (BMC – Nyse) ha detto che i profitti del primo trimestre fiscale, terminato sabato 30 giugno, dovrebbero attestarsi tra i 6 e gli 8 centesimi per azione, esclusi gli oneri strordinari, mentre le aspettative di aprile erano di 11-14 centesimi per azione.

Alcoa (AA – Nyse), il primo produttore mondiale di alluminio, ha riportato nel secondo trimestre dell’anno utili di $429 milioni pari a 49 centesimi per azione.

La Commissione Federale per il Commercio degli Stati Uniti ha avviato alcune indagini sulle grandi compagnie farmaceutiche, sospettando che impediscano illegalmente l’accesso al mercato ai medicinali piu’ economici.

La Commissione sta indagando SmithKline Beecham, del gruppo GlaxoSmithKline (GSK – Nyse), e Bristol-Myers Squibb (BMY – Nyse).

Merrill Lynch (MER – Nyse) ha annunciato la prossima chiusura della divisione money-management (gestione patrimoniale) di Los Angeles, attraverso la vendita del gruppo di fondi di azioni americane.

Cio’ comportera’ il licenziamento di 40 dipendenti. Il gruppo di fondi di azioni americane, che gestisce $3 miliardi, verra’ comunque ceduto ad una divisione di Merrill Lynch.

Alcuni investitori traggono sollievo dalla probabilita’ che il dato diffuso sulla disoccupazione negli USA portera’ la Federal Reserve a tagliare i tassi di interesse nei prossimi mesi.

“C’e’ spazio per ridurre i tassi ancora di 75 punti base”, ha dichiarato Subodh Kumar, chief portfolio strategist di CIBC World Markets.

Sul mercato si fa sentire annche il dato sul tasso di disoccupazione negli Stati Uniti, che in giugno si e’ attestato al 4,5%; lo ha comunicato questa mattina il dipartimento del Lavoro americano.

Un sondaggio condotto dall’agenzia di stampa Dow Jones insieme al canale televisivo finanziario CNBC tra gli economisti di Wall Street aveva previsto una crescita del dato al 4,6%.

Nel mese di maggio la disoccupazione aveva registrato un aumento del 4,4%.

La batosta giunge pero’ dal numero dei posti di lavoro persi nel settore non agricolo attestatisi a 114.000 rispetto alle aspettative di 50.000.

Il rapporto sul mercato del lavoro mostra inoltre che in giugno le paghe medie orarie sono aumentate dello 0,3%, senza alcuna variazione rispetto al mese precedente.