WALI MASSOUD: ‘MIO FRATELLO UCCISO DA BIN LADEN’

27 Settembre 2001, di Redazione Wall Street Italia

“L’omicidio di mio fratello è strettamente legato all’attacco a New York”.

E’ quanto afferma Ahmad Wali Massoud, fratello del più famoso Ahmad Shah Massoud, comandante delle forse anti-Talebani nell’Afghanistan del Nord e ucciso il 9 settembre scorso.

Secondo Wali Massoud, “è stato Osama bin Laden, che voleva essere sicuro di essere indisturbato, a casa sua, dopo l’attacco alle torri gemelle”.

Secondo gli esperti militari, invece, l’omicidio è servito a bin Laden per rendere un servizio ai Talebani, in cambio dei rischi ai quali si sono esposti dopo l’offensiva terroristica in USA.

Per Wali Massoud gli afghani anti Talebani sono molto delusi dal Pakistan, nonostante Islamabad abbia dato il sostegno militare agli USA.

“Il Pakistan è direttamente responsabile della tragedia in atto in Afghanistan. Io non dico ‘attacchiamo il Pakistan’ ma dico che noi afghani non possiamo fidarci di un paese che ha continuato a foraggiare i Talebani con armi e petrolio”.