Verso mega gruppo dell’auto Usa-Germania, FCA tagliata fuori

20 Giugno 2018, di Daniele Chicca

Ford e Volkswagen bruciano sul tempo FCA, che in un mercato dell’auto sempre più concorrenziale vorrebbe fondersi con un’altra casa attrezzata prima della dipartita del suo amministratore delegato. È il pio desiderio di Sergio Marchionne, che tuttavia – nonostante gli sforzi del top manager di origini svizzero canadesi – deve ancora materializzarsi.

Mentre Fiat Chryser Automobiles (FCA) studia le prossime mosse e sinergie potenziali in ambito M&A, due delle principali case automobilistiche al mondo sue rivali, la Volkswagen tedesca e la Ford americana, hanno firmato un memorandum d’intesa per creare un’alleanza su scala mondiale.

L’intesa in un primo momento si concentrerà su una collaborazione sui veicoli commerciali, ma a quanto viene lasciato intendere non dovrebbe fermarsi qui. L’asse Wolfsburg-Detroit, infatti, fa sapere di essere “aperto a tutte le opzioni”.

I giganti di Wolfsburg e Detroit hanno avviato delle trattative ufficiali. Si tratta di un annuncio, quello dato il 19 giugno in tarda serata, che ha del clamoroso e che potrebbe cambiare per sempre gli equilibri dell’industria dell’auto.

Tra Volkswagen e Ford non ci sarà uno scambio azionario

Le due aziende esprimono l’intenzione di “espandere la capacità produttiva”, di “rafforzare la competitività” in modo tale da servire meglio i clienti di entrambi.

“I mercati e la domanda dei consumatori stanno cambiando a una velocità incredibile”, dice Thomas Sedran, head of strategy di Volkswagen, gruppo proprietario di marchi storici come Audi, Porsche e Lamborghini. “Per adattarsi al contesto sempre più impegnativo, diventa di massima importanza aumentare la flessibilità tramite delle alleanze”.

La sottoscrizione di un memorandum di intesa, si legge nel comunicato ufficiale, non prevede implicazioni societarie e quindi scambi di partecipazioni azionarie. Le sinergie allo studio riguarderebbero in compenso numerose aree settoriali e tipi di auto.

Tra queste viene citata in particolare la gamma dei veicoli commerciali, il cui lavoro coordinato aiuterà a “rispondere meglio alle esigenze dei clienti in continua evoluzione”. Lo scenario, fanno sapere le due case automobilistiche, è ancora in divenire e in futuro verranno comunicati eventuali aggiornamenti dei piani e i progressi fatti.