Vivere meglio e più a lungo. Basta avere curiosità

13 Agosto 2021, di Leopoldo Gasbarro

In un Mondo in cui l’appiattimento dei valori, delle competenze, delle professionalità rappresenta il rischio più grande è invece necessario ritrovare il gusto di riscoprirsi curiosi. Goethe sottolineava come la curiosità fosse “l’Anima dell’Intelligenza”, Einstein nello scritto che segue ci spiega come alimentarla.

I bambini hanno una mente incredibilmente curiosa. “Perché?” continuano a chiedere. Esplorano cose nuove per nessun altro motivo se non che vogliono solo sapere. In media, i bambini fanno 107 domande all’ora!

Ma sembra che da adulti tendiamo a cadere in schemi cognitivi fissi e convenienti. “Le scuole non sempre, o anche spesso, promuovono la curiosità”, afferma Susan Engel, autrice e docente di psicologia. La sua ricerca mostra che quelli che lei chiama “episodi di curiosità” – come porre domande dirette, manipolare oggetti o osservare intenti e diretti – si sono verificati 2,36 volte in due ore all’asilo e solo 0,48 volte in una classe di quinta elementare.

Allora, cosa sta succedendo, ed è mai troppo tardi per riabilitare la tua curiosità?

La creatività viene disimparata

Quando la NASA stava cercando persone altamente creative, ha assunto il Dr. George Land per ideare un test che misurasse con precisione il potenziale creativo. Il Dr. Land ha collaborato con un altro ricercatore, il Dr. Beth Jarman, per creare un test che misurasse il pensiero divergente, o la capacità di guardare un particolare problema e escogitare più soluzioni Il test ha funzionato bene ed è ancora una pietra angolare della ricerca intorno alla curiosità. Ma il dottor George Land, essendo curioso (guarda cosa sto facendo), voleva andare oltre e capire i meccanismi alla base della curiosità.

Da dove proviene? Come si evolve nella nostra vita?

Per rispondere a queste domande, ha condotto uno studio di osservazione su larga scala su 1.600 bambini. Ha convinto i ragazzi a sostenere il test all’età di 5, 10 e 15 anni. La prima volta che hanno sostenuto il test, il 98% ha ottenuto il punteggio più alto possibile nel test di creatività. La seconda volta che l’hanno fatto, cinque anni dopo, solo il 30% degli stessi bambini ha ottenuto un buon punteggio nel test. Ancora più deprimente, la terza volta che l’hanno preso, ormai al liceo, solo il 12% dei ragazzi è andato bene.

E gli adulti? Beh, non sta migliorando. Sulla base di un campione di 280.000 persone , meno del 2% di tutti gli adulti sono definiti creativi in ​​base alla loro risposta a questo test standardizzato.

La scienza suggerisce che questa drammatica diminuzione della curiosità potrebbe essere causata dal nostro aumento della conoscenza man mano che cresciamo.

Una volta che sentiamo che non c’è divario tra ciò che sappiamo e ciò che vogliamo sapere, smettiamo di essere e di agire curiosi. Ma perché dovremmo preoccuparci?

Tre sorprendenti benefici della curiosità

Sulla base dei risultati di cui sopra, sembra che la maggior parte degli adulti conduca la propria vita senza alcuno sforzo per favorire la propria curiosità. Ma la curiosità ha proprietà magiche che sono state ampiamente studiate dagli scienziati.

  • La curiosità mantiene giovani: la ricerca mostra che mantenere un senso di meraviglia per tutta la vita e un comportamento alla ricerca di novità aiuta le persone a rimanere giovani. Uno studio che ha seguito gli individui che invecchiano mentre monitorava i loro livelli di curiosità ha scoperto che quelli che mostravano alti livelli di curiosità avevano maggiori probabilità di essere vivi cinque anni dopo.
  • La curiosità ti aiuta a imparare: c’è una forte evidenza che la curiosità ti aiuta a ricordare meglio le nuove informazioni. Più sei curioso su un argomento, più è probabile che lo ricordi.
  • La curiosità favorisce relazioni migliori: essere sinceramente interessati alle altre persone aiuta a costruire relazioni più solide, secondo la ricerca . Ciò significa una maggiore sensazione di intimità e creare le basi per relazioni significative.

Come coltivare la tua curiosità

Ci sono alcune semplici attività che ti aiuteranno a stimolare la tua curiosità e, di conseguenza, ad aumentare la tua creatività. Provane alcuni e vedi quali ti sembrano più efficaci per te personalmente.

  1. Poni domande: chiediti a caso perché? come? quando leggi qualcosa o chatti con gli amici. Puoi anche scrivere alcune di queste domande per prendere il tempo necessario per trovare le risposte in seguito.
  2. Leggi al di fuori del tuo campo: scegli un tipo di libro che non acquisteresti mai in modo naturale in una libreria. È poesia classica? Saggistica? Un libro di cucina? Qualcosa sulla geologia? Leggilo solo per il gusto di leggerlo.
  3. Sii curioso con le persone: scegli qualcuno del tuo entourage che non vedi da un po’ e invitalo per un caffè. Rendi il tuo obiettivo quello di imparare il più possibile sui loro interessi. Adotta questo approccio ogni volta che incontri una nuova persona.
  4. Esercitati a dire di meno: questo è collegato al precedente. Cerca di parlare di meno e di ascoltare di più.
  5. Immergiti in un argomento: seleziona un argomento che trovi interessante e spingi i limiti della tua curiosità andando in profondità. Ciò significa leggere molti articoli, libri e documenti di ricerca, guardare conferenze TED, ascoltare podcast.
  6. Scrivi: portalo al livello successivo scrivendo su questo argomento. Questo è esattamente quello che sto facendo qui. Impegnandomi a scrivere su questo blog, posso esplorare nuovi argomenti e coltivare la mia curiosità.
  7. Porta con te un taccuino: ti sarà più facile ricordare gli argomenti di cui sei curioso e di cui vuoi fare ricerche o scrivere in seguito.
  8. Impara su te stesso: la curiosità non deve essere solo esteriore. Esplora i tuoi sentimenti, chiediti quali sono i tuoi obiettivi e comportamenti, o anche ricerca il tuo passato e la storia familiare.
  9. Rallenta: la produttività può essere nemica della creatività. Prenditi il ​​tempo per lasciar vagare la mente e lascia che le domande ti vengano in mente.
  10. Esci con un bambino: giocare e parlare con un bambino è probabilmente uno dei migliori promemoria del nostro potenziale di curiosità.

Siamo nati tutti curiosi. È una nostra scelta continuare ad esserlo o meno.

Non ho talento speciale – sottolineava Albert Einstein – sono solo appassionatamente curioso.