VIVENDI SEMPRE PIU’ NELLA POLVERE

16 Agosto 2002, di Redazione Wall Street Italia

Per Vivendi Universal è un crollo verticale dopo la riduzione del rating da parte di due importanti broker.

Eppure il titolo stamani era partito sulle ali del rimbalzo, dopo le le indiscrezioni di stampa sulla vendita della parte editoriale del gruppo francese, alle prese con una colossale crisi finanziaria

Sul titolo che ora perde oltre 15 punti percentuali stanno pesando i giudizi negativi espressi da Ubs, che ha downgradato il titolo a hold da strong buy, e da Deutsche Bank che ha portato la raccomandazione a market performer da buy.

Per il colosso editoriale francese continua quindi a piovere sul bagnato, dopo il calo di oltre il 30% registrato dopo la presentazione dei dati semestrali nei giorni scorsi. Vivendi ha registrato ancora conti in profondo rosso, amplificati anche da svalutazioni di asset per €11 miliardi.

I dati negativi hanno portato anche le agenzie di rating americane Moody’s e Standrad & Poor’s a ridurre la loro raccomandazione sul debito.

Al momento il titolo viene scambiato a €8,98 in calo del 15,2%.