VINCE IL CENTROSINISTRA

10 Giugno 2003, di Redazione Wall Street Italia

L’esito del voto per le Regionali del Friuli Venezia Giulia e dei ballottaggi per province e comuni non assegnati al primo turno è indiscutibilmente negativo per il centrodestra.

In Sicilia ha confermato Trapani, mantenendo inalterato il quadro provinciale uscente, ma ha perso due comuni capoluogo, nel Centro ha perso Pescara e nel Nord ha perso Udine dove Sergio Cecotti, passato al centrosinistra, diventa sindaco al primo turno e porta in dote a Riccardo Illy un pacchetto di consensi friulani risultati alla fine decisivi.

Il centrosinistra ha vinto perché è riuscito a tenere insieme un’alleanza assai vasta, dai moderati a Rifondazione comunista, in quasi tutte le situazioni. Il centrodestra, invece, ha confermato, aggravandola, la sua tradizionale difficoltà a fare coalizione. Così la tendenza allo spostamento a sinistra dell’elettorato, che c’è ma ha dimensioni piuttosto ridotte, si è amplificata nei risultati. Che sono, comunque, quelli che contano.

Il voto di per sé non mette in discussione la stabilità del governo. Ma può mettere in moto o rafforzare tendenze centrifughe nella maggioranza che puntano, per ora, a ridisegnare gli equilibri nella coalizione e nei singoli partiti, ma che se non saranno governate con saggezza possono avviare un processo disgregante.

Il sanguigno presidente del Lazio, Francesco Storace, si è fatto interprete di queste tendenze: “Squadra che perde non si tocca. Non si tocca?” ha chiesto sarcasticamente, facendo intendere che la ferita della sconfitta del candidato della destra sociale a Roma non sarà facilmente dimenticata.

Le polemiche fra Udc e Lega sono quotidiane, e sulla politica economica di Giulio Tremonti si infittiscono le critiche, non sempre basate su preoccupazioni per i conti pubblici. Il quadro politico è indebolito e le opzioni programmatiche risultano incerte. La verifica, che dovrebbe cercare soluzioni, si svolge in un clima pesante. C’è da sperare che non si concluda facendo volare gli stracci, come in una qualsiasi rissa di condominio.

Copyright © Il Foglio per Wall Street Italia, Inc. Riproduzione vietata. All rights reserved