VENDITE SUL DOLLARO, PESANO LEHMAN E DATI USA

21 Agosto 2008, di Redazione Wall Street Italia

Dollaro sotto pressione oggi sul mercato dei cambi, con l’euro riaffacciatosi prepotentemente sopra 1,48 con un massimo a 1,4833. In seguito la divisa unica ha ritracciato, scambiata adesso attorno a 1,4750 come conseguenza fra l’ altro delle statistiche deboli circa l’ attività economica nel vecchio Continente ad agosto.

Il cambio dollaro/yen ha toccato a sua volta un minimo a 108,61 ed attualmente passa di mano poco sopra questo valore. Il biglietto verde è penalizzato dai ‘rumors’ che si addensano circa le prospettive di Lehman Brothers, anche oggi in ribasso in Borsa in Europa dopo che il Financial Times ha riportato che non è riuscita a vendere la metà del suo capitale a due grandi investitori asiatici.

Oltre a questo c’é attesa per i dati macro odierni da oltreoceano, cioé richieste di sussidio, superindice e indice Fed di Philadelphia, che potrebbero confermare le attuali difficoltà congiunturali. Lo yen ha tratto vantaggio invece oggi dalla difficile situazione dei mercati azionari mondiali, con la conseguenza che gli investitori hanno frenato il ricorso al ‘carrying trade’.

Tornando all’ euro, nonostante il recente recupero gli operatori sembrano aver cambiato cavallo puntando sul dollaro, Tanto più che l’ indice dei responsabili per gli acquisti ad agosto in Europa ha segnalato una contrazione dell’ attività per il terzo mese di fila. Infine, la sterlina ha recuperato dopo che le vendite al dettaglio britanniche a luglio a sorpresa hanno segnato un +0,8%.