VALUTE: DOLLARO DEBOLE, EURO ALLE STELLE A NY

5 Gennaio 2001, di Redazione Wall Street Italia

Giornata negativa per il dollaro dopo il rapporto di questa mattina sulla disoccupazione negli Stati Uniti, attestatasi in dicembre al 4%; la moneta americana si e’ infatti indebolita nei confronti dell’euro – oggi a New York al massimo degli ultimi sei mesi – sulle preoccupazioni degli investitori riguardo alcune componenti del mercato del lavoro Usa.

Sebbene la moneta unica europea abbia iniziato a scendere subito dopo l’annuncio del dipartimento del Lavoro Usa, segnali positivi sono arrivati dai traders che, dopo un’attenta lettura del rapporto, hanno puntato l’attenzione sui segnali di debolezza ancora presenti nell’economia americana. Tra questi molto rilievo – dicono gli esperti – e’ stato dato al basso numero di lavoratori impiegati dalle societa’ negli ultimi quattro mesi.

“Analizzando l’intero rapporto sulla disoccupazione, si nota che l’economia americana e’ ancora debole – ha detto Jay Bryson, economista di First Union Corp. – I dati di oggi non indicano in alcun modo che la locomotiva americana ha ripreso a marciare”.

L’euro, che si appresta a chiudera la giornata con il sesto guadagno settimanale nei confronti del dollaro, e’ scambiato attualmente a $0,9525. In mattinata aveva toccato i livelli del 6 luglio scorso.