Società

VALUTE: CINQUE ANNI FA L’ADDIO
ALLA LIRA

Questa notizia è stata scritta più di un anno fa old news

Cinque anni fa gli italiani dicevano addio alla lira: il 28 febbraio 2002 terminava il periodo di doppia circolazione e le vecchie banconote andavano definitivamente in pensione, lasciando il posto all’euro che diveniva l’unica valuta legale per oltre 300 milioni di cittadini europei. In circolazione, però, di lire ce ne sono ancora molte, secondo le stime il patrimonio nelle tasche ammonta a circa 3.500 miliardi di lire. Il taglio a cui gli italiani sembrano più affezionati, e quindi più restii a separarsi, sono le vecchie mille lire. Il corso legale della lira iniziò il 21 dicembre 1946. Dopo 55 anni di onorato servizio è arrivato l’addio.

Cinquantacinque anni vissuti fra alti e bassi, con alle spalle una storia illustre: le sue origini, infatti, si possono addirittura far risalire all’VIII secolo, quando una ‘lira’ era una comune unità di misura dei valori grazie alla riforma monetaria portata a termine da Carlo Magno. Una lira equivaleva ad una libbra d’argento, suddivisa in 240 denari. Una moneta ‘fantasma’ che, curiosamente, rimase in vita per quasi 1.000 anni.

APPENA 299 TITOLI QUOTATI SU BORSA ITALIANA, BEN 5.964 TITOLI QUOTATI SU NASDAQ E NYSE. CHE ASPETTI? E QUI SU WALL STREET ITALIA TROVI LE QUOTAZIONI IN TEMPO REALE E IL BOOK A 15 LIVELLI DI TUTTE LE AZIONI AMERICANE! CLICCA SU TotalView ALL’INTERNO DI INSIDER

La grande svolta e la prima vera ‘ribalta’ per quella che diventerà poi la valuta della Repubblica si ebbe invece con l’unificazione d’Italia, quando si trattò di adottare un sistema monetario comune per il neonato mercato interno. Nelle province che fra il 1859 e il 1861 venivano man mano annesse al Regno Sabaudo, infatti, Vittorio Emanuele II estese, in sostituzione delle monete locali, la nuova lira del Piemonte. E da allora fu chiamata ‘lira italiana’.