UTILI: WASTE BATTE LE ASPETTATIVE DI 1 CENTESIMO

9 Agosto 2001, di Redazione Wall Street Italia

Waste Management (WMI – Nyse), la prima azienda americana nella raccolta dei rifiuti, ha riportato per il secondo trimestre dell’anno un utile netto di $191 milioni, pari a 30 centesimi per azione, contro il pareggio di bilancio dell’anno passato, quando gli utili furono solo di $0,3 milioni.

Su basi pro forma gli utili sono stati di $212 milioni, o 33 centesimi per azione diluita*, in rialzo dai $200 milioni, o 32 centesimi per azione diluita del secondo trimestre 2000.

Su queste basi gli analisti consultati da Thomson Financial/First Call si aspettavano in media un utile di 32 centesimi per azione.

Il fatturato e’ pero’ calato del 10,7% a $2,92 miliardi, dai $3,27 miliardi del secondo trimestre 2000.

*: nel computo delle azioni diluite rientrano, oltre alle azioni in circolazione, tutti i titoli che potenzialmente potrebbero essere convertiti in azioni, come opzioni, obbligazioni convertibili, warrant e altri.