UTILI: TELECOM ITALIA, -2,9% NEI PRIMI NOVE MESI

10 Novembre 2000, di Redazione Wall Street Italia

Telecom Italia nei primi nove mesi 2000 ha realizzato un utile netto di gruppo di 3.744 miliardi di lire, in calo del 2,9% rispetto allo stesso periodo.

L’utile netto scende a 2.426 miliardi di lire (-16,2%) al netto delle quote di spettanza dei terzi.

Per l’intero 2000 la società stima di raggiungere il target di utile, perchè le dismissioni delle attivita’ non core (Italtel, Sirti e immobiliare) compenseranno gli oneri della capogruppo di ristrutturazione per riduzione del personale, pari a 734 miliardi di lire nel terzo trimestre.

I risultati, approvati oggi dal consiglio di amministrazione presieduto da Roberto Colaninno, sono “in linea con il budget e con le previsioni rese note al mercato all’inizio dell’anno”.

In particolare la gestione operativa del Gruppo e’ positiva, con una crescita del margine operativo lordo (mol) pari al 6,8% nei primi nove mesi dell’anno rispetto al periodo corrispettivo del 1999.

Anche la redditivita’ e’ in miglioramento, con un rapporto tra mol e fatturato che passa dal 45,4% di fine semestre al 46,7% nel terzo trimestre.

Il risultato operativo consolidato registra una “forte crescita” nel terzo trimestre (+14,9% sull’analogo periodo dell’esercizio precedente) e nei primi nove mesi dell’anno (+7,7%), grazie alle performance di Tim, di Telecom Italia SpA e del consolidamento di Telecom Argentina.

In Borsa il titolo cede il 3,45% a 13,22 euro.