UTILI: PHILIP MORRIS BATTE LE STIME

18 Luglio 2002, di Redazione Wall Street Italia

Nel secondo trimestre 2002 Philip Morris (MO – Nyse), colosso del tabacco e blue chip del Dow Jones, ha messo a segno una crescita degli utili e del fatturato, grazie soprattutto all’aumento dei prezzi delle sigarette.

Il gruppo ha registrato utili di $2,68 miliardi, o $1,24 per azione, in crescita dai $2,48 miliardi, o $1,11 per azione, dello stesso periodo dello scorso anno.

Il risultato si e’ rivelato superiore di un penny alle previsioni degli analisti interpellati da Thomson Financial/First Call e in linea con le stime di Multex e Zacks.

Il fatturato e’ risultato in aumento del 2,6%, a $60,9 miliardi.

Guardando al futuro, il gruppo ha detto di prevedere che gli utili dell’intero esercizio 2002 cresceranno nella parte bassa della forchetta compresa tra il +9 e il +11%, per via di vari investimenti tesi ad aumentare il volume e la quota di mercato.

Verificare le quotazioni dei titoli in movimento nel preborsa aggiornate in tempo reale cliccando BOOK USA