UTILI: NEW YORK TIMES BATTE STIME PER UN CENTESIMO

18 Luglio 2001, di Redazione Wall Street Italia

New York Times Company (NYT – Nyse), l’editore dei quotidiani “The New York Times” e “Boston Globe”, ha riportato per il secondo trimestre dell’anno un utile di $70,5 milioni, o 44 centesimi per azione.

Il risultato si e’ rivelato in calo del 25,4% rispetto ai $101,7 milioni, o 59 centesimi, dello scorso anno.

L’utile per azione ha superato le stime di Wall Street (consensus First Call/Thomson Financial), che si attendeva un risultato di 43 centesimi.

Il fatturato ha registrato un decrescita del 9,9% a $760,3 milioni contro gli $843,5 milioni dello scorso anno, a causa della debolezza nel settore inserzioni pubblicitarie.

Riferendosi al trend ribassista, Russell Lewis, presidente e amministratore delegato dell’editore americano, ha dichiarato che il gruppo ha ridotto i costi, aggiungendo che per l’intero esercizio 2001 New York TImes raggiungera’ o superera’ le stime del mercato, che si attende un utile di $1,98 per azione (consensus First Call/Thomson Financial).