USA: WALL STREET DIFENDE GLI ANALISTI

14 Giugno 2001, di Redazione Wall Street Italia

Wall Street sta cercando di difendere gli analisti dall’accusa di emettere raccomandazioni non autonome a causa delle relazioni che intercorrono tra le banche d’affari e le societa’ seguite dagli analisti.

Di fronte al Congresso, che sta indagando sul possibile conflitto di interessi, Marc Lackritz, presidente della Securities Industry Association (SIA) ha dichiarato che “fare proiezioni errate su una societa’ o un titolo e’ molto diverso dal fare di tutto per servire gli interessi degli investitori”.

Lackritz ha sottolineato che gli investitori non dovrebbero affidarsi solo al giudizio degli analisti – che spesso sono in disaccordo sulla medesima societa’ – ma che dovrebbero invece sentire una seconda opinione.

“Alcuni analisti possono interpretare un cambio ai vertici aziendali come buona notizia”, ha commentato il presidente della SIA, “altri come un segnale d’allarme”.

L’associazione di categoria ha emesso questa settimana una serie di regole di condotta, adottate da 14 delle maggiori societa’ di Wall Street, per cercare di dissipare le critiche sugli analisti, ma la SIA non ha alcun potere esecutivo.

SULL’ARGOMENTO VEDI ANCHE:


SPECIALE: BUFERA SUGLI ANALISTI FINANZIARI