USA: UN ALTRO PIANO DI RILANCIO SAREBBE INUTILE

31 Agosto 2009, di Redazione Wall Street Italia

L’economia statunitense non ha bisogno di un secondo round di misure di stimolo fiscale. A rivelarlo e’ un sondaggio condotto dal National Association for Business Economics (NABE), secondo cui quello che il governo dovrebbe piuttosto fare e’ ridurre le spese nei prossimi due anni.

La maggior parte degli economisti interpellati, riferisce l’agenzia di stampa Reuters, e’ preoccupata circa l’outlook del budget federale e dubita che la riforma del sistema sanitario studiata dall’amministrazione Obama riesca a ridurre i costi, mantenendo allo stesso tempo livelli alti di qualita’ e aumentando il numero di persone in grado di usufruire dei servizi.

“E’ uno degli scenari economici e politici piu’ controversi e instabili da diverse generazioni a questa parte”, ha commentato il presidente dell’associazione, Chris Varvares. “Gli ostacoli piu’ grandi da sormontare sono le politiche dove c’e’ maggiore disaccordo, ovvero quelle relative al bilancio e al sistema sanitario”.

Il governo ha gia’ speso $787 miliardi in un pacchetto di investimenti e stimoli fiscali pensato per far uscire il Paese dalla recessione piu’ grave dalla Grande Depressione degli anni ’30. Washington ha inoltre impegnato ingenti somme di denaro per salvare le banche e scongiurare il collasso del sistema finanziario.