Mercati

Usa: Tenaris acquisisce Hydril e la ingloba

Questa notizia è stata scritta più di un anno fa old news

L’italiana Tenaris e la statunitense Hydril Company annunciano congiuntamente di avere stipulato un accordo di fusione definitivo, in base al quale Tenaris acquisirà Hydril in contanti per 97 dollari per azione comune Hydril e per 97 dollari per azione comune Classe B Hydril. Tenaris finanzierà l’acquisizione in parte utilizzando liquidità e in parte tramite finanziamenti, per i quali sono già stati assicurati gli impegni con le banche. Hydril è un produttore leader in Nord America di giunti premium e di prodotti per il controllo della pressione utilizzati nella produzione di petrolio e gas, con un’ottima reputazione nell’industria per la qualità e l’affidabilità della propria tecnologia. Nel 2006, Hydril registra un fatturato di 503 milioni di dollari un reddito operativo di 132,2 milioni di dollari e un risultato netto di 91,3 milioni di dollari). Tenaris è il principale fornitore globale di prodotti tubolari e servizi per l’industria petrolifera e del gas mondiale. Paolo Rocca, numero uno di Tenaris, dichiara: “Si tratta di un altro passo importante per Tenaris. Hydril è un’azienda con un track record straordinario e un eccezionale know-how costruito in oltre 70 anni di attività nell’industria petrolifera e del gas. Con Hydril, potremo offrire ai nostri clienti universalmente una gamma completa di giunti premium (integrali e coupled) per soddisfare le applicaizoni più esigenti dell’industria. La ricerca e sviluppo e il know-how industriale delle due società daranno un contributo notevole al raggiungimento di nuove frontiere nell’attività di esplorazione e produzione. Il rinomato marchio Hydril e la sua capacità produttiva in Nord America consolideranno ulteriormente la posizione di Tenaris in questa regione con una gamma di prodotti completa; inoltre la combinazione agevolerà un’ulteriore espansione globale del business dei prodotti per il controllo di pressione di Hydril, specialmente nelle zone chiave come il Golfo del Messico, il Brasile e l’Africa occidentale”.