USA: PRODUTTIVITA’ +2,5% SECONDO TRIMESTRE

7 Agosto 2001, di Redazione Wall Street Italia

La produttivita’ negli Stati Uniti si e’ attestata nel secondo trimestre a +2,5%; lo ha reso noto questa mattina il dipartimento del Lavoro USA.

Il rialzo e’ superiore alle aspettative del mercato. Un sondaggio condotto dall’agenzia di stampa Dow Jones insieme alla rete televisiva CNBC tra gli economisti di Wall Street aveva previsto in media un aumento dell’1,5% per il secondo trimestre.

Il dipartimento del Lavoro ha inoltre rivisto il dato relativo ai primi tre mesi del 2001 ribaltando quello che e’ stato annunciato precedentemente. La produttivita’ nel primo trimestre e’ cresciuta dello 0,1% nonostante precedentemente fosse stato annunciato un calo dell’1,2%, il primo da sei anni a questa parte.

“Il dato dovrebbe dare fiducia agli investitori sul fatto che dati confortanti come questo possono presentarsi anche in periodi in cui l’economia rimane molto debole”, ha detto James Glassman, economista di JP Morgan.

Una crescita della produttivita’ riduce i rischi di pressioni inflazionistiche e aiuta a dare una spinta agli utili aziendali. Poiche’ i lavoratori producono piu’ beni per ora, i datori di lavoro possono permettersi di pagare salari piu’ alti senza un conseguente aumento dei prezzi.

Nel secondo trimestre il costo unitario del lavoro e’ salito del 2,1%, in calo rispetto al +5% registrato nei primi tre mesi dell’anno. I compensi medi orari sono invece saliti del 4,7%, in ribasso rispetto al +5,1% del primo trimestre.

 

2 TRIM

STIME 2 TRIM

1 TRIM

PRODUTTIVITA’

+2,5%

+1,5%

+0,1%

COSTO LAVORO PER UNITA’

+2,1%

ND

+5,0%

COMPENSO MEDIO ORARIO

+4,7%

ND

+5,1%

SULL’ARGOMENTO VEDI:


USA: REVISIONE PRIMO TRIM PRODUTTIVITA’ -1,2%

USA: PRODUTTIVITA’ -0,1% PRIMO TRIMESTRE