Usa: prezzi al consumo in calo dello 0.1% a giugno

16 Luglio 2010, di Redazione Wall Street Italia

Nel mese di giugno l’indice dei prezzi al consumo (CPI) negli Stati Uniti ha registrato una variazione negativa dello 0.1% rispetto al mese precedente, quando il dato era risultato in calo dello 0.2%. Si tratta del terzo calo mensile consecutivo. Rispetto a maggio, i costi dell’energia sono calati del 2.9% mentre quelli del cibo sono rimasti invariati.

Lo ha comunicato il Dipartimento del Lavoro Usa.

Per i tuoi investimenti, segui il feed in tempo reale di Wall Street Italia INSIDER. Se non sei abbonato, fallo subito: costa solo 0.86 euro al giorno, provalo ora!

L’indicatore si e’ attestato in linea alle stime degli analisti.

Escluse le componenti piu’ volatili, quali cibo ed energia, il dato dei prezzi al consumo (“core” CPI) e’ risultato in rialzo dello 0.2% contro attese a +0.1%. Nel mese precedente l’incremento era stato dello 0.1%. Quello odierno rappresenta il maggior incremento da ottobre.

Su base annuale, i prezzi al consumo sono cresciuti dell’1.1% dopo il +2% del mese scorso.Le previsioni erano per un +1.2%. Il dato core e’ cresciuto dello 0.9% rispetto a giugno 2009, registrando cosi’ l’incremento piu’ contenuto dal 1996.