USA: PIL PRIMO TRIMESTRE PEGGIORE DELLE STIME

25 Giugno 2004, di Redazione Wall Street Italia

Nel primo trimestre 2004 il Prodotto Interno Lordo Usa e’ cresciuto del 3.9%. Il dato e’ stato rivisto al ribasso dal +4.4% della prima lettura.

Lo ha comunicato il Dipartimento del Commercio Usa.

Il dato, che rappresenta il valore totale di tutti i beni e servizi prodotti nella nazione, si e’ rivelato lievemente peggiore delle aspettative del mercato. Gli economisi si aspettavano in media un incremento del 4.4%.

Cresce, invece, piu’ del previsto il deflattore, che fornisce una misura sull’andamento dei prezzi. Il dato ha registrato un aumento del 2.9% contro l’1.5% del quarto trimestre. Le attese erano per un aumento del 2.6%.

Il nuovo dato evidenzia un lieve rallentamento dell’economia americana rispetto all’ultimo trimetre del 2003. La minor crescita riflette un calo dei volumi delle esportazioni e la netta flessione delle spese in infrastrutture e software.

Gli analisti sono, comunque, ottimisti sulla ripresa in atto e si aspettano che il PIL continui a crescere a un solido tasso di circa il 4% nei prossimi trimestri. In generale, il pronostico di crescita per il 2004 e’ di un +4.6%. Se tali previsioni fossero vere, si tratterebbe della maggior espansione dal +7.2% registrato nel 1984.